Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
© Copyright 2011, tutti i diritti sono riservati. E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.

Vita approssimativa

Viviamo in un mondo che comprendiamo spesso in modo approssimativo e superficiale: se provassimo veramente ad affrontare la vita, senza avere in continuazione inutili pregiudizi e senza porre limiti ingiustificati, forse riusciremmo a renderci conto di quanto effettivamente ci circonda. Talvolta, infatti, non ci accorgiamo di quale sia veramente la realtà in cui viviamo. La maggioranza delle persone segue e si adatta ai modelli imposti dagli altri e ignora tutto quello che è invece originale e autentico, annullandosi completamente. Non pretendiamo di svelare dei segreti o di detenere la verità: cerchiamo di non accontentarci solo di quello che ci mostra la realtà fisica, la cui conoscenza spesso non spinge a comprendere meglio anche le emozioni e ad approfondire le sensazioni, che ognuno prova in diversa misura e che portano alla completezza dell’essere umano. L’approccio che molti hanno nei confronti della vita è ai nostri giorni, infatti, sempre più materialista. Nell’esistenza di tutti spesso accadono episodi o fenomeni che non si comprendono completamente e a cui non si sa dare una spiegazione esauriente. La scienza, a nostro avviso, può spiegare molto ma non tutto. A volte, un’emozione non si può chiarire e decifrare solo affidandosi allo studio della materia proprio perché è qualcosa che va oltre la realtà corporea. Di volta in volta, la scienza stessa del resto ha portato a scoperte straordinarie e incredibili, rispetto ai tempi in cui erano fatte, conducendo a vere e proprie rivoluzioni inizialmente inverosimili per i contemporanei, ma in seguito più che credibili e comprensibili per i posteri : per fare qualche esempio, basti pensare a Galileo Galilei o ad Einstein. Lo stesso Sant’Agostino, già nel secolo d. C. affermava come i miracoli (noi, in generale, potremmo parlare di fatti non spiegabili razionalmente) non fossero incompatibili con la natura, ma con l’idea che gli uomini avevano di essa. Alla luce di tutto questo, oggi, non dovrebbe essere poi così strano pensare all’esistenza di qualcosa, che non riusciamo a individuare e a comprendere in modo esaustivo affidandoci unicamente ai nostri sensi e alle sole conoscenze di cui possiamo disporre nel ventunesimo secolo, ma…..che possa esserci molto di più!!! Percepire e vivere nuove esperienze non solo è indice di buona apertura mentale, ma potrebbe costituire anche una grande opportunità di crescita interiore. A nostro parere si riuscirebbe a comprendere meglio la realtà, se si tentasse di osservarla e analizzarla in tutte le sue forme e manifestazioni: spesso però si preferisce non considerare ed approfondire gran parte di ciò che non si conosce o che suscita timore, scegliendo di rimanere nell’ignoranza. Se essere coraggiosi, vuol dire anche dover fare ciò che più spaventa, allora non ci possono essere audacia e forza senza paura. Chi sfugge dagli altri e da queste situazioni, per preoccupazione e insicurezza, è come se si allontanasse anche da se stesso, rinunciando ad arricchire il proprio sapere e a migliorarsi. Noi tenteremo di dimostrare che quello, che a volte si crede insolito ed irreale, in fondo, potrebbe esserlo meno di quanto si pensa. Cerchiamo, quindi, di apprezzare tutto quello che si può apprendere e ammirare nel confine dove la logica si incontra con l’emozione, dove il mistero da tempo protegge i suoi segreti: proprio esiste un mondo per molti ricco di tabù, silenzio e timore, ma per alcuni pieno di grande fascino e curiosità, dotato di possibilità illimitate e di orizzonti infiniti…
barra blu sx barra blu dx
Simbolo cr sito orrizzonti paranormali
Infinito logo ufficiale Orizzonti Paranormali

Vita approssimativa

Viviamo in un mondo che comprendiamo spesso in modo approssimativo e superficiale: se provassimo veramente ad affrontare la vita, senza avere in continuazione inutili pregiudizi e senza porre limiti ingiustificati, forse riusciremmo a renderci conto di quanto effettivamente ci circonda. Talvolta, infatti, non ci accorgiamo di quale sia veramente la realtà in cui viviamo. La maggioranza delle persone segue e si adatta ai modelli imposti dagli altri e ignora tutto quello che è invece originale e a u t e n t i c o , a n n u l l a n d o s i completamente. Non pretendiamo di svelare dei segreti o di detenere la verità: cerchiamo di non accontentarci solo di quello che ci mostra la realtà fisica, la cui conoscenza spesso non spinge a comprendere meglio anche le emozioni e ad approfondire le sensazioni, che ognuno prova in diversa misura e che portano alla completezza dell’essere umano. L’approccio che molti hanno nei confronti della vita è ai nostri giorni, infatti, sempre più materialista. Nell’esistenza di tutti spesso accadono episodi o fenomeni che non si comprendono completamente e a cui non si sa dare una spiegazione esauriente. La scienza, a nostro avviso, può spiegare molto ma non tutto. A volte, un’emozione non si può chiarire e decifrare solo affidandosi allo studio della materia proprio perché è qualcosa che va oltre la realtà corporea. Di volta in volta, la scienza stessa del resto ha portato a scoperte straordinarie e incredibili, rispetto ai tempi in cui erano fatte, conducendo a vere e proprie rivoluzioni inizialmente inverosimili per i contemporanei, ma in seguito più che credibili e comprensibili per i posteri : per fare qualche esempio, basti pensare a Galileo Galilei o ad Einstein. Lo stesso Sant’Agostino, già nel secolo d. C. affermava come i miracoli (noi, in generale, potremmo parlare di fatti non spiegabili razionalmente) non fossero incompatibili con la natura, ma con l’idea che gli uomini avevano di essa. Alla luce di tutto questo, oggi, non dovrebbe essere poi così strano pensare all’esistenza di qualcosa, che non riusciamo a individuare e a comprendere in modo esaustivo affidandoci unicamente ai nostri sensi e alle sole conoscenze di cui possiamo disporre nel ventunesimo secolo, ma…..che possa esserci molto di più!!! Percepire e vivere nuove esperienze non solo è indice di buona apertura mentale, ma potrebbe costituire anche una grande opportunità di crescita interiore. A nostro parere si riuscirebbe a comprendere meglio la realtà, se si tentasse di osservarla e analizzarla in tutte le sue forme e manifestazioni: spesso però si preferisce non considerare ed approfondire gran parte di ciò che non si conosce o che suscita timore, scegliendo di rimanere nell’ignoranza. Se essere coraggiosi, vuol dire anche dover fare ciò che più spaventa, allora non ci possono essere audacia e forza senza paura. Chi sfugge dagli altri e da queste situazioni, per preoccupazione e insicurezza, è come se si allontanasse anche da se stesso, rinunciando ad arricchire il proprio sapere e a migliorarsi. Noi tenteremo di dimostrare che quello, che a volte si crede insolito ed irreale, in fondo, potrebbe esserlo meno di quanto si pensa. Cerchiamo, quindi, di apprezzare tutto quello che si può apprendere e ammirare nel confine dove la logica si incontra con l’emozione, dove il mistero da tempo protegge i suoi segreti: proprio esiste un mondo per molti ricco di tabù, silenzio e timore, ma per alcuni pieno di grande fascino e curiosità, dotato di possibilità illimitate e di orizzonti infiniti…
Menu