Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
© Copyright 2011, tutti i diritti sono riservati. E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Pagina precedente Pagina precedente
Analisi fotografica Dopo   numerosi   scatti   eseguiti   all’interno   e   all’esterno   della   struttura   non   sono   state   riscontrate anomalie   non   convenzionali.   Nel   lungo   lavoro   di   analisi   avevano   catturato   la   nostra   attenzione due   scatti.   Il   primo   dopo   verifica   simulativa   sul   luogo,   è   risultato   essere   di   carattere   fisico convenzionale.    Il    secondo    scatto    invece    non       ci    risulta    ancora    spiegabile    ma    a    causa dell’intenso   rumore   di   fondo   causato   dall’elevato   tasso   di   umidità   e   dalla   distanza   sostanziale del   soggetto,   non   è   stato   valutato   da   noi   idoneo   per   supporre   ulteriori   tesi,   nonostante   la presenza di un assorbimento ottico che risulterebbe anomalo. Analisi possibili fenomeni Sincronici Primo   elemento :   durante   il   disagio   del   soggetto   sensibile   in   una   stanza   particolare   della   villa, l’operatore    che    si    trovava    in    regia,    situata    in    un'    altra    zona,    nel    preciso    istante    di    tale avvenimento, ha comunicato un colpo nel microfono posizionato al primo piano. Secondo   elemento :   mentre   la   squadra   si   trovava   nel   piano   interrato   della   villa   con   precisione nella    zona    delle    ex    stalle,    mentre    il    soggetto    sensibile    menzionava    la    parola    “bestie”, l’operatore   nuovamente   comunicava   il   passaggio   anomalo   di   un   oggetto   davanti   ad   un’altra telecamera che sembrerebbe poter essere identificato con una piuma. Terzo   elemento :   Mentre   il   soggetto   sensibile   si   trovava   con   tutta   la   squadra   nel   piano   interrato, esattamente   nella   sala   degli   scavi,   attraverso   tecniche   di   visualizzazioni   affermava   di   percepire una   figura   maschile   che   veniva   raffigurata   in   continuo   movimento,   in   quel   preciso   istante   nella zona   del   piano   terra   della   villa   sono   stati   percepiti   da   tutti   i   presenti   dei   passi.   Inoltre   uno   dei sensori   a   rilevamento   termico   ha   segnalato   un’anomalia.   L’evento   risultava   inusuale   in   quanto il   sensore   continuava   per   circa   un’ora   ad   essere   interessato   da   fenomeni   di   probabile   origine termica,   rimanendo   costantemente   in   allarme.   Al   momento   della   comunicazione   ufficiale   della fine   della   ricerca   il   sensore   in   questione   ha   cessato   l’allarme.   Precisiamo   inoltre   che   tale sensore    è    fornito    di    automazione    e    alimentazione    del    tutto    autonome,    pertanto    il    suo funzionamento   è   subordinato   unicamente   dagli   agenti   che   lo   circondano   e   non   da   comandi   a distanza.   Tali   strane   “coincidenze”   ci   lasciano   supporre   che   si   tratti   di   elementi   sincronici generati da possibili interconnessioni non localizzate. Analisi fenomeni termici Fenomeni termici non convenzionali Durante   la   ricerca   l’unica   anomalia   misurabile   di   carattere   termico   è   avvenuta   al     piano   rialzato della   villa   esattamente   nella   stanza   3   al   lato   della   loggia.   Durante   la   probabile   interconnessione di     de   Bari Antonio   con   il   luogo,   il   ricercatore   avvertiva   in   un   punto   ben   preciso   una   sensazione di   disagio.   Sul luogo sono state evidenziate delle differenze sostanziali di temperatura, che hanno generato fenomeni di “hot-spot” (sbalzi repentini di temperatura ingiustificati). Sembra abbastanza frequente che durante le possibili interazioni di un soggetto sensibile con tali forme di interconnessione“, si possano presentare delle anomalie termiche, in particolare è stato rilevato un hot spot di 5,6 C°. Altra anomalia di probabile carattere termico si è verificata nella zona della loggia. Uno dei nostri sensori che campiona autonomamente variazioni termiche sostanziali superiori ai 3 C°, ha segnalato un continuo allarme per un tempo totale di 52 minuti, esattamente dalle 04:05:18 alle 04:57:31 del mattino. Si escludono possibili anomalie convenzionali, in quanto il sensore stesso non ha generato un breve episodio per probabili correnti naturali (anche se ne sarebbe immune perché opportunamente tarato), ma ha continuato a rimanere in stato “on” senza mai andare in "off". Considerazioni Trattandosi di verifiche legate all’aspetto tecnico ma anche strettamente collegate all’aspetto delle sensazioni, non è da escludere completamente anche l’esistenza di analogie collegate a pareri soggettivi. Vi proponiamo dunque di seguito diverse impressioni esposte da alcuni degli operatori presenti quella sera. Resoconto sensazioni personali soggetto sensibile Nel   luogo   non   si   avvertono   particolari   sensazioni   se   non   nella   parte   destra   della   villa.   In   una zona   ben   precisa   c’è   stato   un   episodio   di   forte   disagio   poi   accostato   con   un’anomalia   di carattere   termico   ben   evidente.   Sul   luogo   sembrerebbero   essere   presenti   ancora   sensazioni appartenenti   a   due   epoche   diverse.   La   prima   risalirebbe   a   prima   della   costruzione   della   villa.   In particolare,   tale   sensazione   sarebbe   legata     alla   probabile   esistenza   di   un   piccolo   villaggio formato   da   casette   in   pietra   il   quale   sarebbe   stato   travolto   da   una   frana.   Questi   elementi   sono stati   visualizzati   nel   piano   interrato   della   villa.   Nella   parte   superiore   invece   sarebbe   stata visualizzata   una   figura   maschile   in   continuo   e   veloce   movimento,   avente   aspetto   beffardo.   Nel momento   della   visualizzazione   sembrerebbero   essersi   sviluppati   dei   passi   nel   piano   superiore, in concomitanza con la segnalazione di un anomalia da parte di uno dei nostri sensori termici. Sensazioni soggettive Operatore Michele Per quanto la preparazione della ricerca potesse confondermi, alterare o attenuare le sensazioni, ci sono degli episodi personali collegabili a momenti particolari della ricerca e a punti specifici di Villa Da Porto, che hanno destato il mio interesse .In riferimento a dei punti particolari della struttura, la mia attenzione è ricaduta più di una volta, forse tutte le volte che ci sono passato, sulla scala a chiocciola che collega tutti i piani della villa, in particolare gli ultimi gradini in basso. E' proprio affrontando gli ultimi gradini che qualcosa mi suggeriva di allungare il passo per trovarmi in una zona più calma. In quel punto specifico sia di giorno nel sopraluogo, che durante la ricerca notturna, percepivo una sensazione di disagio (non trovo definizione migliore). Tale sensazione è rimasta immutata di intensità e localizzata sempre tra gli ultimi 2 gradini e la soglia ma superata quella zona circoscritta il disagio si attenuava notevolmente. Un fatto collegato ad un momento più che ad un posto, è stata la sensazione di non essere solo in un preciso periodo durante la mia permanenza in regia. E' stato appurato in seguito, che il fatto si è verificato contemporaneamente alla descrizione del soggetto sensibile di una figura burlona che si spostava velocemente nel piano dove si trovava la regia. La sensazione di presenza nella stanza è stata cosi intensa da spingermi ad orientare delle piccole luci led nella stanza, in modo tale da non essere abbagliato dagli schermi dei computer ed avere consapevolezza visiva dell'ambiente attorno a me. Infine nella stanza caminetto ho avuto 2 visualizzazioni inconsce, forse relative a suggestione data la non conferma del soggetto sensibile. Nella prima ho visualizzato un episodio di violenza tra una figura maschile e una figura femminile, purtroppo senza distinguere dei tratti particolari relativi alle figure stesse. Nella seconda, girandomi lentamente per guardare tutta la stanza, ho visualizzato delle ombre proiettate dal fuoco del camino sui muri ricoperti di un intonaco giallo-arancione, come se il fuoco fosse acceso esattamente in quel preciso momento.Sarebbe interessante riuscire a capire quanto di tutto questo è dettato da fantasia e auto condizionamento e cosa invece deriva da connessioni dinamiche con ambiente o avvenimenti carichi di emozioni del passato. N.D.R. GRAZIE ANTONIO Sensazioni soggettive operatrice Carolina. Durante il sopralluogo i punti della struttura che mi hanno colpito di più sono stati nella parte inferiore, la stanza del pozzo-stalla e l'atrio sotto la scalinata. Nell'atrio la sensazione era quella di essere osservata, complici forse i giochi di luce dati dai resti dei vetri e il fatto che ci fossero varie stanze, ma non so dare una spiegazione certa. Nella stanza della stalla, durante il sopralluogo, ho avvertito una sensazione di calma. Non so se possa essere stata suggestione ma ho visualizzato una ragazza che si prendeva cura di bestie e soleva stare li per stare un po' in pace con gli animali. All'esterno mi attirava molto la parte del giardino all' estrema destra della struttura, con l'arcata esterna, che però per motivi di sicurezza abbiamo preferito tralasciare. Il buio consente una concentrazione migliore e le sensazioni durante la ricerca sono cambiate .Nel piano inferiore e precisamente nella stanza dove si trova il caminetto, ho visualizzato molto dettagliatamente il viso di un uomo anziano con il cappello, i capelli lunghi, dei baffi e una folta barba grigia. Successivamente questa descrizione sembrerebbe aver trovato riscontro. Infatti corrisponderebbe ad una persona vissuta qualche decennio fa, che per molti anni ha abitato nella villa. Nella stanza del pozzo-stalla ho avvertito qualcosa simile ad un mormorio, la cosa interessante è che è stato avvertito da tutti gli operatori presenti nella stanza Anche la stanza denominata “degli scavi” si è rivelata molto “sentita” dal mio punto di vista. Come nella stanza precedente sia io che gli altri operatori, abbiamo sentito dei colpi provenire dal soffitto, come se qualcuno stesse camminando al piano superiore. In conclusione anche se è ancora difficile per me concentrarmi e comprendere particolari fenomeni, la ricerca si è rilevata particolarmente interessante.
RILEVAMENTI TEMPERATURA LUOGO OVER LINE  UP OVER LINE  DOWN TERMOMETRO  I.R. IGROMETRO     TEMP. UMIDITA' ANTI LOGGIA 8,5 8,8 1,6 8,4 89% LOGGIA 8,8 10,1 1,3 8,7 89% RETRO REGIA            3 9,7 9,2 - 2,1 9,7 88% RETRO REGIA            2 9,8 8,9 - 7,5 9,3 91% RETRO REGIA 9,5 9,1 - 7,4 9,2 91% PASSAGGIO SOTTO  SCALINATA 9,3 9,2  9,1 91% SALA CAMINETTO   1,8   STALLA 9,5 0,4 - 4,5 9,0 91% STANZA SCAVI 10,4 9,7 - 5,2 10,4 92% STANZA  anti   cantina 10,8 9,0 7,9 9,7 91% CANTINA   5,9
RETRO REGIA 3
-2.1, -4,5, -7,7
RETRO REGIA 2
4,3
SALA CAMINETTO
4,6 / .6,3
Simbolo cr sito orrizzonti paranormali
Infinito logo ufficiale Orizzonti Paranormali
Pagina precedente Pagina precedente
Analisi fotografica Dopo        numerosi        scatti        eseguiti all’interno    e    all’esterno    della    struttura non    sono    state    riscontrate    anomalie non   convenzionali.   Nel   lungo   lavoro   di analisi     avevano     catturato     la     nostra attenzione    due    scatti.    Il    primo    dopo verifica   simulativa   sul   luogo,   è   risultato essere           di           carattere           fisico convenzionale.       Il       secondo       scatto invece   non     ci   risulta   ancora   spiegabile ma     a     causa     dell’intenso     rumore     di fondo     causato     dall’elevato     tasso     di umidità   e   dalla   distanza   sostanziale   del soggetto,   non   è   stato   valutato   da   noi idoneo     per     supporre     ulteriori     tesi, nonostante       la       presenza       di       un assorbimento    ottico    che    risulterebbe    anomalo. Analisi      possibili      fenomeni Sincronici Primo   elemento :   durante   il   disagio   del soggetto      sensibile      in      una      stanza particolare   della   villa,   l’operatore   che   si trovava    in    regia,    situata    in    un'    altra zona,      nel      preciso      istante      di      tale avvenimento,   ha   comunicato   un   colpo nel     microfono     posizionato     al     primo piano. Secondo   elemento :   mentre   la   squadra si   trovava   nel   piano   interrato   della   villa con     precisione     nella     zona     delle     ex stalle,     mentre     il     soggetto     sensibile menzionava        la        parola        “bestie”, l’operatore   nuovamente   comunicava   il passaggio     anomalo     di     un     oggetto davanti     ad     un’altra     telecamera     che sembrerebbe   poter   essere   identificato con una piuma. Terzo     elemento :     Mentre     il     soggetto sensibile     si     trovava     con     tutta     la squadra         nel         piano         interrato, esattamente     nella     sala     degli     scavi, attraverso    tecniche    di    visualizzazioni affermava     di     percepire     una     figura maschile     che     veniva     raffigurata     in continuo    movimento,    in    quel    preciso istante   nella   zona   del   piano   terra   della villa     sono     stati     percepiti     da     tutti     i presenti     dei     passi.     Inoltre     uno     dei sensori     a     rilevamento     termico     ha segnalato         un’anomalia.         L’evento risultava   inusuale   in   quanto   il   sensore continuava   per   circa   un’ora   ad   essere interessato    da    fenomeni    di    probabile origine              termica,              rimanendo costantemente   in   allarme.   Al   momento della   comunicazione   ufficiale   della   fine della   ricerca   il   sensore   in   questione   ha cessato    l’allarme.    Precisiamo    inoltre che       tale       sensore       è       fornito       di automazione   e   alimentazione   del   tutto autonome,           pertanto           il           suo funzionamento           è           subordinato unicamente      dagli      agenti      che      lo circondano     e     non     da     comandi     a distanza.    Tali    strane    “coincidenze”    ci lasciano     supporre     che     si     tratti     di elementi        sincronici        generati        da possibili           interconnessioni           non localizzate. Analisi fenomeni termici Fenomeni termici non convenzionali Durante     la     ricerca     l’unica     anomalia misurabile      di      carattere      termico      è avvenuta    al       piano    rialzato    della    villa esattamente   nella   stanza   3   al   lato   della loggia.         Durante         la         probabile interconnessione    di       de    Bari   Antonio con   il   luogo,   il   ricercatore   avvertiva   in un   punto   ben   preciso   una   sensazione di     disagio.     Sul luogo sono state evidenziate delle differenze sostanziali di temperatura, che hanno generato fenomeni di “hot-spot” (sbalzi repentini di temperatura ingiustificati). Sembra abbastanza frequente che durante le possibili interazioni di un soggetto sensibile con tali forme di interconnessione“, si possano presentare delle anomalie termiche, in particolare è stato rilevato un hot spot di 5,6 C°. Altra anomalia di probabile carattere termico si è verificata nella zona della loggia. Uno dei nostri sensori che campiona autonomamente variazioni termiche sostanziali superiori ai 3 C°, ha segnalato un continuo allarme per un tempo totale di 52 minuti, esattamente dalle 04:05:18 alle 04:57:31 del mattino. Si escludono possibili anomalie convenzionali, in quanto il sensore stesso non ha generato un breve episodio per probabili correnti naturali (anche se ne sarebbe immune perché opportunamente tarato), ma ha continuato a rimanere in stato “on” senza mai andare in "off". Considerazioni Trattandosi di verifiche legate all’aspetto tecnico ma anche strettamente collegate all’aspetto delle sensazioni, non è da escludere completamente anche l’esistenza di analogie collegate a pareri soggettivi. Vi proponiamo dunque di seguito diverse impressioni esposte da alcuni degli operatori presenti quella sera. Resoconto             sensazioni personali soggetto sensibile Nel   luogo   non   si   avvertono   particolari sensazioni    se    non    nella    parte    destra della   villa.   In   una   zona   ben   precisa   c’è stato   un   episodio   di   forte   disagio   poi accostato   con   un’anomalia   di   carattere termico      ben      evidente.      Sul      luogo sembrerebbero   essere   presenti   ancora sensazioni   appartenenti   a   due   epoche diverse.    La    prima    risalirebbe    a    prima della       costruzione       della       villa.       In particolare,     tale     sensazione     sarebbe legata     alla   probabile   esistenza   di   un piccolo   villaggio   formato   da   casette   in pietra   il   quale   sarebbe   stato   travolto   da una    frana.    Questi    elementi    sono    stati visualizzati    nel    piano    interrato    della villa.     Nella     parte     superiore     invece sarebbe    stata    visualizzata    una    figura maschile       in       continuo       e       veloce movimento,    avente    aspetto    beffardo. Nel      momento      della      visualizzazione sembrerebbero    essersi    sviluppati    dei passi       nel       piano       superiore,       in concomitanza    con    la    segnalazione    di un   anomalia   da   parte   di   uno   dei   nostri sensori termici. Sensazioni soggettive Operatore Michele Per quanto la preparazione della ricerca potesse confondermi, alterare o attenuare le sensazioni, ci sono degli episodi personali collegabili a momenti particolari della ricerca e a punti specifici di Villa Da Porto, che hanno destato il mio interesse .In riferimento a dei punti particolari della struttura, la mia attenzione è ricaduta più di una volta, forse tutte le volte che ci sono passato, sulla scala a chiocciola che collega tutti i piani della villa, in particolare gli ultimi gradini in basso. E' proprio affrontando gli ultimi gradini che qualcosa mi suggeriva di allungare il passo per trovarmi in una zona più calma. In quel punto specifico sia di giorno nel sopraluogo, che durante la ricerca notturna, percepivo una sensazione di disagio (non trovo definizione migliore). Tale sensazione è rimasta immutata di intensità e localizzata sempre tra gli ultimi 2 gradini e la soglia ma superata quella zona circoscritta il disagio si attenuava notevolmente. Un fatto collegato ad un momento più che ad un posto, è stata la sensazione di non essere solo in un preciso periodo durante la mia permanenza in regia. E' stato appurato in seguito, che il fatto si è verificato contemporaneamente alla descrizione del soggetto sensibile di una figura burlona che si spostava velocemente nel piano dove si trovava la regia. La sensazione di presenza nella stanza è stata cosi intensa da spingermi ad orientare delle piccole luci led nella stanza, in modo tale da non essere abbagliato dagli schermi dei computer ed avere consapevolezza visiva dell'ambiente attorno a me. Infine nella stanza caminetto ho avuto 2 visualizzazioni inconsce, forse relative a suggestione data la non conferma del soggetto sensibile. Nella prima ho visualizzato un episodio di violenza tra una figura maschile e una figura femminile, purtroppo senza distinguere dei tratti particolari relativi alle figure stesse. Nella seconda, girandomi lentamente per guardare tutta la stanza, ho visualizzato delle ombre proiettate dal fuoco del camino sui muri ricoperti di un intonaco giallo-arancione, come se il fuoco fosse acceso esattamente in quel preciso momento.Sarebbe interessante riuscire a capire quanto di tutto questo è dettato da fantasia e auto condizionamento e cosa invece deriva da connessioni dinamiche con ambiente o avvenimenti carichi di emozioni del passato. N.D.R. GRAZIE ANTONIO Sensazioni             soggettive       operatrice Carolina. Durante il sopralluogo i punti della struttura che mi hanno colpito di più sono stati nella parte inferiore, la stanza del pozzo-stalla e l'atrio sotto la scalinata. Nell'atrio la sensazione era quella di essere osservata, complici forse i giochi di luce dati dai resti dei vetri e il fatto che ci fossero varie stanze, ma non so dare una spiegazione certa. Nella stanza della stalla, durante il sopralluogo, ho avvertito una sensazione di calma. Non so se possa essere stata suggestione ma ho visualizzato una ragazza che si prendeva cura di bestie e soleva stare li per stare un po' in pace con gli animali. All'esterno mi attirava molto la parte del giardino all' estrema destra della struttura, con l'arcata esterna, che però per motivi di sicurezza abbiamo preferito tralasciare. Il buio consente una concentrazione migliore e le sensazioni durante la ricerca sono cambiate .Nel piano inferiore e precisamente nella stanza dove si trova il caminetto, ho visualizzato molto dettagliatamente il viso di un uomo anziano con il cappello, i capelli lunghi, dei baffi e una folta barba grigia. Successivamente questa descrizione sembrerebbe aver trovato riscontro. Infatti corrisponderebbe ad una persona vissuta qualche decennio fa, che per molti anni ha abitato nella villa. Nella stanza del pozzo-stalla ho avvertito qualcosa simile ad un mormorio, la cosa interessante è che è stato avvertito da tutti gli operatori presenti nella stanza Anche la stanza denominata “degli scavi” si è rivelata molto “sentita” dal mio punto di vista. Come nella stanza precedente sia io che gli altri operatori, abbiamo sentito dei colpi provenire dal soffitto, come se qualcuno stesse camminando al piano superiore. In conclusione anche se è ancora difficile per me concentrarmi e comprendere particolari fenomeni, la ricerca si è rilevata particolarmente interessante.
RILEVAMENTI TEMPERATURA LUOGO OVER LINE  UP OVER LINE  DOWN TERMOMETRO  I.R. IGROMETRO     TEMP. UMIDITA' ANTI LOGGIA 8,5 8,8 1,6 8,4 89% LOGGIA 8,8 10,1 1,3 8,7 89% RETRO REGIA            3 9,7 9,2 - 2,1 9,7 88% RETRO REGIA            2 9,8 8,9 - 7,5 9,3 91% RETRO REGIA 9,5 9,1 - 7,4 9,2 91% PASSAGGIO SOTTO  SCALINATA 9,3 9,2  9,1 91% SALA CAMINETTO   1,8   STALLA 9,5 0,4 - 4,5 9,0 91% STANZA SCAVI 10,4 9,7 - 5,2 10,4 92% STANZA  anti   cantina 10,8 9,0 7,9 9,7 91% CANTINA   5,9
RETRO REGIA 3
-2.1, -4,5, - 7,7
RETRO REGIA 2
4,3
S A L A CAMINETTO
4,6 / .6,3
Menu