Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
©   Copyright   2011,   tutti   i   diritti   sono   riservati.   E’   vietata   la   copia   e   la   pubblicazione,   anche   parziale,   del   materiale   su   altri   siti   internet   e   /   o   su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Copyright
Webmaster: O.P.staff
La storia Villa Milani Ghellini - Tonin  Novoledo (VI) L’ architettura La   villa   fu   fatta   costruire   nel   1575   da   Giovanni   Milani   e   Francesco   e   figli,   come   riportato   nell’iscrizione in centro dell'attico in luogo alla finestra mediana: IOANNES MILANUS E.Q.S. FRANCISCI. F. EREXIT A FUNDAMENTIS D.O.M AUSP ANNO M.D. LXXV. Giovanni   Milani   era   capitano   della   Serenissima   e   la   famiglia   era   conosciuta   nella   zona   per   la   vendita   e l’   acquisto   di   fondi   agricoli.   Nel   1620   la   proprietà   venne   venduta   a   Emilio   Ghellini.   In   uno   scritto ritrovato dagli attuali proprietari si può leggere quanto segue. Ampie   erano   le   possessioni   e   numerose   le   case   in   proprietà   dei   Ghellini   oltre   che   in   zone   più      lontane anche   a   Villaverla,   Caldogno   e   Novoledo:   in   tutte   e   tre   queste   località   essi   hanno   lasciato   splendide dimore   acquistate,   costruite   o   ampliate   a   loro   spese   e   in   varie   epoche,   a   testimoniare   le   grandi disponibilità economiche del loro casato. Il   prospetto   della   villa   rivolto   a   mezzogiorno   è   costituito   da   un   ampio   porticato   sorretto   da   eleganti colonne   con   capitello   ionico. Al   di   sopra   di   esse   corre   un   altrettanto   elegante   architrave   con   cornicione a   dentelli   di   vivo   effetto   chiaroscurale,   che   movimenta   e   arricchisce   la   trabeazione.   Al   di   sopra   di questa   risalta   un   attico   in   tenue   bugnato,   interrotto   da   lesene   in   corrispondenza   delle   colonne   e,   negli intercolumni,   da   piccole   finestre   quadrate.   Due   sottili   piramidi   sul   tetto   ai   lati   dell’   edificio,   fuori   dall’ asse   delle   colonne   e   fino   al   1947   sormontate   da   una   sfera   di   pietra,   cercano   di   equilibrare   quell’ andamento orizzontale, che però risulta troppo insistentemente ribadito da vari elementi architettonici. Sul   porticato   si   affacciano   le   finestre   di   tre   ampie   sale,   la   grande   porta   di   quella   mediana,   e   due   porte più   piccole   ai   lati,   i   cui   vani,   oltre   ad   immettere   nelle   due   sale   laterali,   ospitano   pure   due   eleganti   scale a   chiocciola,   articolate   in   rampe   e   pianerottoli,   che   portano   alle   stanze   superiori   e   all’   attico,   che   era adibito   esclusivamente   ad   unico   ed   ampio   granaio.   Dal   vano   scale   si   scendeva   in   sotterranei   da   cui partivano   delle   gallerie   con   volti   in   mattoni,   ora   in   parte   diroccate,   che   non   si   sa   dove   andassero   a sboccare. Al   nord   stava   un   orto   recintato,   il   cui   muro   perimetrale   ovest   continuava   in   direzione   nord   ancora   per qualche    centinaio    di    metri,    mentre    davanti    alla    villa    si    estendeva    un    ampio    cortile    al    quale    si affacciavano   gli   ambienti   rustici.   Attraverso   questa   corte   spaziosa   si   aveva   l’   ingresso   principale,   che sulla   strada   si   affacciava   con   due   pilastri   in   mattoni   sovrastati   da   due   anfore   in   pietra,   e   fiancheggiati da   due   tratti   di   muro   che   terminavano   con   merlature   ghibelline.   Ora   tutto   questo   spazio   antistante, come   afferma   il   Cevese:   “fu   recentemente   degradato   per   la   costruzione   disordinata   e   inopportuna   di nuovi disdicevoli edifici”. Le   pitture   interne   della   Villa   sono   stare   recuperate   e   restaurare   dagli   attuali   proprietari.   Nei   tre   saloni   ci sono   dei   disegni   di   forma   geometrica   e   floreale.   Nei   sopra-porta   sono   stati   recuperati   le   originali   pitture architettoniche   del   periodo   neo-classico.   Nel   salone   del   rustico   dove   vive   attualmente   il   proprietario, esistono   delle   pitture   rappresentate   da   grandi   specchiature   intervallate   da   delle   lesene,   con   all'interno rappresentata   la   Rosa   Canina   con   tralci   e   fiori.   Nei   sopra-porta   sono   raffigurare   delle   pitture   che esaltano il gioco, il vino e l'uccellagione. Di   grande   importanza   è   un   dipinto   dove   viene   riportata   un   'immagine   con   i   vari   sistemi   utilizzati   nella pratica   dell'uccellagione   e   cattura   degli   uccelli.   Questo   testimonia   che   i   proprietari,   famiglia   Ghellini, avevano   la   passione   della   caccia,   da   cui   si   deduce   che   possedevano   un   rocolo   dove   si   esercitava l'uccellagione, come momento di svago. Al centro dell’ attico, in luogo alla finestra mediana, sta un’ iscrizione che dice: PAULUS EMILIUS GHELLINUS NOBILIS VICENTINUS JURE CONSULTUS SAPIENTIA PIETATE INTEGRITATE CELEBERRIMUS AEDEM HANC SIBI POSTERISQUE SUIS ACQUISIVIT ALOYSIUS JURE UTROQUE DOCTOR NEPOS IN CATHEDRALI ARCHIPRESBYTER ET MARCUS ANTONIUS PRONEPOS AMPLIARUNT DECORARUNT Dalla   dicitura   “ACQUISIVIT”   si   deduce   che   la   villa   fu   acquistata   da   Paolo   Emilio   Ghellini.   Dal   suo testamento   nel   1639   più   che   settantenne,   si   induce   a   pensare   che   si   sia   procurato   il   palazzo   in   età matura,   quando   fatte   le   divisioni   con   il   fratello   Bartolomeo,   cui   toccò   la   casa   in   Via   Scartezzini,   egli   si trovò   senza   dimora   nel   1598.   In   seguito,   nel   secolo   successivo,   dai   documenti   notarili   risulta   che   Paolo Emilio   Ghellini   acquistò   la   Villa   dai   magnifici   Signori   FRANCESCO   e   ZUANE ANTONIO   e   NICOLO'   nel 1620,   fratelli   e   figli   del   CAV.   FRANCESCO   MILANI.   Nel   1673   Marco   Antonio   Ghellini   aggiunse   ai   lati della villa altri due gruppi di stanze, come viene ricordato da una breve descrizione posta a sera: MARCUS ANTONIUS GHELLINUS QUONDAM HIERONYMI HAS A FUNDAMENTIS IUNXIT ANNO DOMINI MDCLXXIII All’   angolo   sud-ovest   dell’   originario   cortile   si   attesta   la   chiesetta   gentilizia   della   famiglia.   Essa,   per incarico   del   vescovo   di   Vicenza,   fu   benedetta   il   16   novembre   1671   dal   reverendo   Luigi   Ghellini secondo   la   formula   del   rituale   romano,   ed   era   dedicata   a   S.   Antonio   di   Padova.   L’   erezione   era   stata voluta   da   Marco Antonio   Ghellini,   il   quale   aveva   fatto   precedentemente   demolire   la   vecchia   cappellina vicina    allo    stesso    palazzo,    allo    scopo    specifico    di    erigerne    una    nuova.    Evidentemente    lo    stesso proprietario   si   è   reso   conto   che   la   chiesa   era   da   rifare   e   allora   il   9   aprile   1671   chiede   al   vescovo   di abbattere   la   vecchia,   recuperare   il   materiale   da   costruzione   e   riutilizzarlo   anche   per   usi   profani,   e   fare la   nuova   un   po’   discostata   dal   palazzo,   e   aperta   al   pubblico.   Il   permesso   deve   essere   avvenuto   subito, e   il   20   agosto   dello   stesso   anno   era   già   al   coperto,   tanto   che   il   canonico   Alvise   Ghellini   vi   fa   un sopralluogo   per   avvalorare   la   richiesta   di   Marco   Antonio   di   aprire   una   porta   privata   per   l’   accesso   alla chiesetta   anche   dai   portici   retrostanti,   in   modo   che   le   signore   non   fossero   costrette   a   prendere   la pioggia   in   caso   di   cattivo   tempo   probabilmente   questa   seconda   autorizzazione   non   è   mai   giunta,   tanto che    la    porta    privata    non    venne    mai    aperta.    Comunque    la    chiesetta    poté    essere    benedetta    nel novembre   dello   stesso   1671.   La   dedica   di   questo   altare   ha   fatto   sì   che   la   chiesa   per   voce   comune fosse    detta    di    S.    Gaetano,    rimanendo    invece    sempre    ed    ufficialmente    dedicata    a    S.   Antonio.    Il prospetto   della   chiesetta,   che   si   affaccia   sulla   strada,   sembra   presentare   una   certa   prevalenza   delle aperture   sulla   parete   chiusa.   Due   finestre   rettangolari   forse   di   eccessive   dimensioni   fiancheggiano   la porta   d’   ingresso,   sovrastata   questa   da   un   piccolo   frontoncino   triangolare,   al   di   sopra   del   quale,   al centro,   spicca   un’   ampia   finestra   rotonda.   La   parete   viene   conclusa   da   un   timpano   triangolare   al   cui centro   spicca   lo   stemma   nobiliare   dei   Ghellini,   e   con   negli   acroteri   tre   statue   di   modesta   fattura seicentesca:   al   vertice   la   Vergine,   a   sinistra   S.   Antonio   e   a   destra   S.   Gaetano.   Fra   l’   altare   laterale sinistro   e   l’   angusta   sacristia   s’   innalza   un   piccolo   campanile,   che   un   tempo   accoglieva   due   campane, sovrastato   da   una   piccola   statua   di   un   angelo.   Questa   chiesetta   venne   visitata   il   20   settembre   1824   dal vescovo   Giovanni   Antonio   Peruzzi,   che   la   trova   nel   suo   complesso   in   ordine.   La   chiesa   era   allora   di proprietà della contessa Bernardina Ghellini-Nievo. La Famiglia Ghellini Le   origini   della   famiglia   Ghellini   si   possono   ritrovare   all’   interno   della   chiesetta,   infatti   sempre   nei documenti   ritrovati   dagli   attuali   proprietari   della   villa   si   riporta   che   l’   altar   maggiore   è:   “sovrastato anch’esso   da   tre   piccole   statue:   al   centro   un   piccolo   putto   e   ai   lati   due   figure   in   armatura   da   guerrieri.   I due   guerrieri   vorrebbero   raffigurare   S.   Agricola   e   il   suo   servo   S.   Vitale.      Secondo   una   tradizione,   però non   confermata,   essi   sarebbero   appartenuti   all’   antichissima   famiglia   bolognese   degli   Scannabecchi, dalla   quale   trasse   origine   nel   1300   la   famiglia   dei   Ghellini”.   I   Ghellini   erano   sicuramente   una   delle famiglie   più   importanti   dell’   epoca.   Un’   iscrizione   in   latino   citata   già   in   precedenza   e   tradotta,   riporta quanto   segue:   “Paolo   Emilio   Ghellini,   nobile   vicentino,   giureconsulto,   celeberrimo   per   sapienza,   pietà ad   integrità,   questo   edificio   procurò   per   se   e   i   suoi   posteri.   Il   nipote   Luigi,   dottore   in   entrambi   i   diritti, arciprete   nella   cattedrale,   e   il   nipote   Marco   Antonio,   ampliarono   e   decorarono”.   Questo   ci   riporta   a   tre personaggi   molto   importanti   per   la   storia   della   villa,   primo   fra   tutti   Paolo   Emilio   Ghellini,   che   acquistò   la villa,   Luigi   Ghellini,   che   era   reverendo   e   il   16   novembre   del   1671   benedì   la   chiesetta   fatta   costruire   da Marco   Antonio   Ghellini.   Quest’   ultimo   inoltre   ampliò   la   villa   facendo   aggiungere   delle   stanze.   Citiamo anche   il   canonico Alvise   Ghellini,   chiamato   da   Marco Antonio   Ghellini   per   fare   un   sopralluogo   per   poter “aprire   una   porta   privata   per   l’   accesso   alla   chiesetta   anche   dai   portici   retrostanti,   in   modo   che   le signore   non   fossero   costrette   a   prendere   la   pioggia   in   caso   di   cattivo   tempo”.   Un’   altro   personaggio importante   per   la   famiglia   fu   Gellio   Ghellini,   nei   documenti   si   legge:   ”Si   sa   che   Gellio   Ghellini,   prozio   di Marco   Antonio,   era   molto   noto   alla   sua   epoca   per   intelligenza,   pietà   e   carità.   Aveva,   infatti,   fondato   a Vicenza   a   spese   sue   il   pio   luogo   del   “Soccorso”   come   asilo   di   penitenza   e   di   recupero   per   le   donne traviate. Aveva   conseguito   la   laurea   in   diritto   all’   Università   di   Padova   e   di   Sacra Teologia   all’   Università di   Ferrara.   Fu   anche   canonico   della   cattedrale   di   Vicenza,   ma   dopo   qualche   tempo   rinunziò   al   grado, come   pure   rinunziò   al   vescovado   di   Parenzo,   in   Istria,   offertogli   dal   pontefice   di   allora   Clemente   VIII. Aiutò   il   Calasanzio   nella   fondazione   delle   Scuole   Pie.   Quando   morì   era   parroco   di   S.   Faustino   e   vi   fu sepolto   il   29   agosto   del   1616.   Di   lui   fu   introdotta   la   causa   di   beatificazione,   poi   sospesa   non   si   sa   per quali   motivi”.   Gellio   Ghellini   è   ricordato   anche   in   un’   iscrizione   latina   posta   sotto   al   suo   busto   stilizzato all’   interno   della   chiesetta   che   tradotta   dice:   “O   pio   viandante,   alza   lo   sguardo   all’   immagine   del sacerdote   Gellio   Ghellini,   ammira   la   pietà   e   la   fede   di   lui,   del   quale   forse   con   pubblici   voti   richiedi   il patrocinio”.  UNA NOTA DI STORIA VICENTINA Le   proprietà   delle   famiglie   Ghellini   con   le   loro   ville   in   Novoledo,   hanno   fatto   si   che   il   territorio   fosse identificato   come   una   ”terra   promessa”,   perché   la   grande   quantità   di   acqua   fornita   dalle   risorgive   del luogo,   permetteva   una   maggiore   fertilità   alle   terre   coltivate   e   assicurava   prosperità   ai   loro   proprietari. Le   risorgive   formano   le   sorgenti   che   con   l'unione   delle   acque   del   TIMONCHIO   danno   origine   al   fiume BACCHIGLIONE,   il   cui   nome   tradotto   dal   greco   significa   “FIGLIO   DI   BACCO”.   Da   questo   si   deduce che   nell'antichità   l'origine   del   nome   derivasse   dalla   coltivazione   delle   viti   nel   territorio,   che   producendo ottimi   grappoli   davano   vita   ad   un   ottimo   vino,   facendo   in   modo   che   la   gente   locale   dedicasse   il   nome Bacchiglione   al   nascente   corso   d'acqua.   Il   Bacchiglione   ha   dato   i   natali   a   tanti   artisti   che   hanno successivamente magnificato la città di Vicenza. Nella   proprietà   di   Gelindo   Ghellini   il   vicentino   Prelato   Valeriano   Canati,   più   noto   con   l'   anagramma   di Aureliano   Acanti,   era   amico   di   famiglia   e   veniva   invitato   per   la   caccia   nel   roccolo   e   alle   feste,   dove partecipavano   molti   nobili   proprietari   di   fondi   agricoli   della   provincia   di   Vicenza,   che   per   l'occasione portavano i vini prodotti nelle proprie tenute per deliziare gli ospiti. Da   questo   connubio   di   festeggiamenti   con   i   vini   locali   il   prelato,   esaltandone   le   doti,   i   sapori   e   i   profumi, darà voce a delle pagine poetiche che gratificheranno, con la loro lettura, i commensali alle feste. Dalla   raccolta   di   queste   pagine   poetiche   Valeriano   Canati,   in   tarda   età,   darà   origine   al   poemetto   “IL ROCCOLO   DITIRAMBO”,   scritto   in   onore   di   Gellio   Ghellini   in   occasione   del   matrimonio   della   figlia Elena con il Conte Simondo Chiericati. Il   poemetto   viene   pubblicato   un'unica   volta   a   Venezia   nel   1754   a   cura   della   Stamperia   Pezzana   e   sarà apprezzato   non   solo   dai   letterati   per   la   sua   valenza   poetica,   ma   anche   dagli   enologi   per   l'importante apporto   fornito   allo   studio   della   vinicoltura,   che   nel   secolo   successivo   avrebbe   avuto   notevole   sviluppo a   livello   italiano   ed   europeo.   Con   i   suoi   1700   versi   è   un   inno   agli   oltre   trenta   vini   prodotti   nel   vicentino, dei   quali   vengono   descritti   ed   esaltati   non   solo   i   sapori,   ma   anche   le   suggestive   zone   di   produzione prevalentemente    collinari.    In    questo    poema    viene    menzionato    per    la    prima    volta    il    prosecco    del Ghellino,   che   veniva   coltivato   dal   canonico   Jacobo   Ghellini   e   dai   suoi   due   fratelli   Pietro   e   Marco   nei terreni   che   possedevano   a   Monte   Berico.   Una   nota   folcloristica   che   emerge   dal   poemetto   riguarda   i produttori   di   vino   vicentini,   i   quali   prendevano   in   giro   le   produzioni   che   i   padovani   facevano   nei   colli euganei,   in   quanto   davano   alla   luce   un   vino   di   bassa   gradazione   alcolica   e   acerbo   al   gusto   chiamato dai nobili vicentini “vino pisciarello”. Il   benemerito   fautore   di   questo   roccolo   dalle   dimensioni   di   un   grande   giardino   è   Bacco,   che   nel   suo peregrinare,   dopo   aver   fatto   rifiorire   Firenze   e   la   Toscana   come   aveva   raccontato   Francesco   Redi   nel suo   “Bacco   in Toscana”,   trova   definitivo   e   gratificante   riposo   nel   territorio   vicentino   appagato   dall'amore della ninfea Caledonia (da cui il toponimo di Caldogno) e dalla bellezza del paesaggio.