Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
©   Copyright   2011,   tutti   i   diritti   sono   riservati.   E’   vietata   la   copia   e   la   pubblicazione,   anche   parziale,   del   materiale   su   altri   siti   internet   e   /   o   su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Copyright
Webmaster: O.P.staff
La storia Castello di San Pelagio - Due Carrare (PD) Il   Castello   di   San   Pelagio   ha   origini   medievali.   E'   costituito   da un'antica   Torre   d'avvistamento,   da   un   corpo   centrale   e   da   due Barchesse.Il    Castello    di    San    Pelagio    è    chiamato    anche    Villa Zaborra   dal   nome   dei   Conti   Zaborra   che   ne   sono   i   proprietari   dal 1700.   Il   corpo   centrale   è   costituito   da   una   torre   medioevale   del ‘300     con     merlature     intatte.     Questo     splendido     monumento nazionale   è   contornato   da   un   parco   molto   articolato   con   giardino principale,   giardino   segreto,   carpini   centenari,   brolo,   peschiera   e ghiacciaia.   Famosa   è   la   collezione   di   rose   antiche   ed   inglesi   ed   una   antica   vasca   termale   risalente all’epoca   tardo   romana   venuta   alla   luce   durante   i   lavori   di   restauro.Dal   1980   è   adibito   a   “Museo dell’Aria   e   dello   Spazio”   in   omaggio   a   Gabriele   d’Annunzio   che   da   qui   partì   con   la   sua   squadriglia aerea   veneta   per   lanciare   su   Vienna   nel   9   agosto   i   volantini   che   invitavano   alla   resa,   in   pieno   primo conflitto   mondiale:   "non   siamo   venuti   se   non   per   la   gioia   dell´arditezza"   le   sue   parole   dopo   l´impresa che   lo   vide   sorvolare   la   capitale   del   nemico   austroungarico   come   maggiore   dell´87°   squadriglia   "La Serenissima".   Nelle   stanze   del   poeta   pescarese   tutto   è   rimasto   come   allora   perchè   voi   possiate rivivere   quei   momenti   e   ripercorrere   la   storia   del   volo   umano,   mirabilmente   raccontata   nel   Museo dell´AriaIl    tutto    immerso    in    splendidi    giardini    con    centinaia    di    rose    antiche,    alberi    secolari, passeggiate   lungo   il   viale   di   carpini   verso   il   laghetto   e   piu'   in   la'   sul   belvedere.   E,   infine,   il   Labirinto   del Minotauro.   Il   filo   conduttore   del   percorso   storico   del   Museo   e'   il   volo.   La   collezione   interna,   costituita da   oltre   300   modelli   di   aerei,   dirigibili   e   mongolfiere,   divise   d'epoca,   manichini,   motori   ed   oggetti aeronautici,   traccia   tutta   la   storia   del   volo   in   ordine   cronologico.   Al   centro   del   Castello,   al   piano nobile,   un'ampia   sezione   è   dedicata   al   Volo   su   Vienna   e   alle   stanze   temporaneamente   abitate   da Gabriele    d'Annunzio.    All'interno    tracce    di    affreschi,    arredi,    oggetti    personali,    divise,    ricordi dannunziani,    mobilio    antico    e    suppellettili    d'epoca.    Negli    ex    fienili    bellissimi    modelli    di    aerei raccontano:   la   prima   trasvolata   atlantica   di   Lindbergh,   le   gare   di   velocità,   i   records,   i   raids   degli   anni Trenta.   Infine,   nelle   antiche   cantine,   si   raggiunge   l'ultima   sezione   dedicata   allo   sviluppo   dell'aviazione negli   anni   recenti   e   alla   conquista   dello   spazio   con   i   modelli   del   LEM   e   della   Navetta   Spaziale Columbia.   Infine   guardando   al   Giotto   degli   Scrovegni   le   comete,   punto   di   congiunzione   tra   passato   e futuro.   Il   Castello   di   San   Pelagio,   unico   in   Europa   per   la   sua   collezione   aeronautica,   è   anche   noto   per il suo parco e per il Labirinto del Minotauro. Fonte: www.padovamedievale.it/info/castello/pelagio/it