Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
©   Copyright   2011,   tutti   i   diritti   sono   riservati.   E’   vietata   la   copia   e   la   pubblicazione,   anche   parziale,   del   materiale   su   altri   siti   internet   e   /   o   su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Ricerca scientifica e misfatti “Il millantatore bussa sempre alla porta dell’ignoranza” Quello che molti non dicono: Rubrica Orizzonti Paranormali Questo    articolo    vuole    precisare    alcuni    aspetti    importanti    che    coinvolgono    le    ricerche    di    carattere scientifico   e   parapsicologico,   esponendo   alcune   differenze   che   distinguono   la   reale   ricerca   scientifica da quelle attività che servono solo per fare spettacolo.    Il   continuo   dilagare   della   cattiva   informazione   dell'argomento   ci   vede   costretti   a   mettere   in   luce   alcuni elementi   fondamentali   della   materia   da   noi   trattata.   Associazioni   poco   serie   o   gruppi   di   persone   che   si cimentano      in   questa   attività   senza   alcuno   studio   e   senza   alcuna   reale   conoscenza,   contribuiscono solo   a   sorreggere   uno   stereotipo   sbagliato   del   mondo   del   paranormale   e   di   tutte   le   argomentazioni correlate   ad   esso.   Queste   persone   molto   spesso   non   hanno   né   alcuna   conoscenza   approfondita   delle apparecchiature   in   utilizzo   durante   le   ricerche,   né   tantomeno   delle   leggi   fisiche   che   le   regolano   e   i principi   del   loro   funzionamento.   Non   è   possibile   infatti   accingersi   a   processi   complicati   di   analisi      se   non si    conoscono    tutti    i    limiti    e    le    caratteristiche    tecniche    di    tutte    le    strumentazioni    scientifiche    e sperimentali   che   vengono   utilizzate,   senza   tralasciare   inoltre   tutte   quelle   situazioni   che   potrebbero compromettere o ingannare  un'analisi obiettiva e indurre in errori clamorosi.    Anche   la   conoscenza   delle   funzionalità   biologiche   dei   nostri   sensi   è   un   aspetto   da   non   sottovalutare, dove   solo   un   accurato   studio   di   biometria   affiancato   alla   conoscenza   di   processi   di      elaborazione   del nostro   cervello,   legati   anche   alla   psicologia,   ci   permettono   di   asserire   se   un   possibile   sviluppo   sia   di carattere   convenzionale   o   non,   o   se   esso   è   cagionato   dalla   suggestione   generata,   ad   esempio,   da   finte credenze. In   rete   si   possono   trovare   esempi   clamorosamente   falsi      che   contengono   tracce   acustiche   che   non hanno   nessuna   valenza,      in   quanto   creati   con   registratori   non   consoni   o   con   settaggi   non   adeguati. Spesso    infatti    si    tratta    di    effetti    pareidolici    che    condizionano    l’ascoltatore    psicologicamente    e    lo inducono   a   trovare   il   significato   di   tale   suono   nella   spiegazione   presentatagli.   Nel   caso   dei   campioni audio,   solo   una   seria   analisi   elettroacustica   permette   di   comprendere      maggiormente   un   eventuale     sviluppo   anomalo   attraverso   parametri   ben   specifici.   Con   analisi   specifiche   si   intende   studiare   il   suono o   lo   sviluppo   in   modo   approfondito,   correlandolo   con   dati   tecnici   reali.   Si   reperiscono   in   ogni   dove “pseudo    ricercatori    esperti”    che    svolgono    attività    a    loro    dire    simili    a    quelle    svolte    dalla    nostra associazione,   i   quali      affermano   di      verificare      o   indagare   su   eventuali   fenomeni   non   spiegabili.   Tuttavia la   maggior   parte   dei   casi   acclamati   da   questi   soggetti   risulta   completamente   spiegabile   attraverso   leggi fisiche   convenzionali.      Il   fatto   è   che   tali   persone   non   conoscono   nemmeno   l'esistenza   delle   leggi convenzionali,   figuriamoci   quando   professano   di   poter   indagare   su   leggi   misteriose   che   regolano   la materia,      e   attualmente   ancora   in   fase   di   studio.   Citiamo   un   esempio   molto   elementare.   Ci   siamo imbattuti    sull’operato    di    “pseudo    ricercatori”    che    affermavano    che    attraverso    l’    accensione    o    lo spegnimento   casuale   della   luce   di   una   torcetta,   che      viene   leggermente   svitata   nella   chiusura   del   vano batterie    e    con    l’    interruttore    di    accensione    in    posizione    on,    potesse    permettere    una    possibile comunicazione   di   un   presunto”   spirito”   con   i   presenti.   In   questo   caso      l'effetto   ottenuto   dalla   torcetta   è scientificamente   spiegabile.   Essendo   la   torcetta   leggermente   svitata,   basta   una   minima   vibrazione   o una   variazione   di   umidità   o   uno   spostamento   d’aria,   che      la   resistenza   dell'aria      interposta   tra   contatto elettrico   e   le   batterie   con   il   resto   del   circuito   diminuisca   o   aumenti,   facendo   sì   che   la   conducibilità      della corrente   attraverso   il   conduttore   all'interno   della   piletta   vari,   permettendo   così   che   si   accenda   o   si spenga.   In   questo   caso   quindi   non   sussiste   alcuna   comunicazione   con   uno   spirito   o   un’   entità,   si   tratta semplicemente   di   un   effetto   fisico   comune.   Questo   genere   di   “esperimenti”,   se   così   vogliamo   definirli, non   fanno   altro   che   alimentare   la   confusione   che   per   chi   non   è   del   settore   e   non   avendo   alcuna conoscenza   può   considerare   veritiere   tali   “dimostrazioni”,   creando   preconcetti   nei   confronti   di   chi invece   seriamente   studia   da   anni   la   materia.   Le   persone   che   si   professano   ricercatori   dovrebbero documentarsi   e   studiare   anni   e   anni   prima   di   cimentarsi   in   queste   attività,   evitando   così   di      deridere   non solo   le   persone   che   ingenuamente   osservano   tali   azioni,   ma   anche   se   stessi,   che   in   alcuni   casi arrivano   a   plagiare   la   propria   persona   a   tal   punto   da   credere   realmente   che   quel   fenomeno   spiegabile possa   essere   inspiegabile.   Nella   maggior   parte   di   questi   avvenimenti   questi   “ricercatori”   non   riescono   a comprenderlo perché il livello di preparazione è nullo.   Il   fatto   è   che   spesso   chi   si   avvicina   a   questo   argomento   lo   fa   perché   va   di   moda,   per   girare   di   notte   nei castelli,   perché   lo   vedono   fare   in   tv   e   raramente   perché   esiste   un   reale   desiderio   di   conoscenza.   Una prova   di   questa   affermazione   la   possiamo   trovare      ad   esempio   nell’   uso   improprio   del   famoso   k2.   Se tutti   quei   gruppi   che   affermano   di   fare   ricerca   seria   conoscessero   la   reale   funzione   dello   strumento, difficilmente   lo   userebbero   ancora   per   avere   delle   risposte   a   delle   domande   fatte   a   una   possibile "presenza".   Per   esperienza   abbiamo   notato   che   molti   gruppi   ghost   hunter,   quindi   cacciatori   di   fantasmi e   non   ricercatori,   praticano   questa   attività   scopiazzando   ciò   che   fanno   altri   gruppi,   senza   sapere   se   ciò che   fanno   sia   corretto   o   meno.    Come   se   non   bastasse   ci   sono   associazioni   o   gruppi   che   per   apparire seri,   si   dilettano   anche   nella   copiatura   in   modo   integrale   o   parziale,   di   testi   scritti   coperti   da   copyright   o depositati   in   siae,   commettendo   un   reato   punibile   penalmente,   e   tutto   per   camuffarsi   o   professarsi esperti agli occhi del pubblico inesperto. L’utilizzo   di   termini   come   “ricerca”   e   “studio”   quindi,   viene   spesso   abusato   da   questi   oseremo   dire, millantatori   del   paranormale   più   che   indagatori   del   paranormale,   che   non   hanno   nemmeno   idea   dei sacrifici    e    della    preparazione    che    deve    esserci    alle    spalle    per    poter    svolgere    seriamente    e correttamente questo tipo di attività. Nella   lista   dei   confusionari   collochiamo   anche   film   e   programmi   tv   in   cui   si   possono   trovare,   oltre   a   vari esempi   palesemente   falsi   di   “poltergeist”,   anche   finti   ricercatori   che   professano   di   intrappolare   le “presenze”   con   l’   aspirapolvere   cadendo   nel   ridicolo,   varcando   così   il   limite   della   follia. Abbiamo   notato     che    sussiste    costantemente    uno    stereotipo    dell'argomento    che    risulta    difficilmente    abbattibile,        in quanto   cinema      e   gruppi   “Ghost   hunting”      continuano   a      propinare      “cattiva   informazione”      facendo credere   che   tali   fenomeni      siano   frutto   del   male      o   di   qualcosa      di   estremamente   pericoloso.      Alcuni     alludono   addirittura   di   essere   una   sorta   di   super   eroi   che   salvano   il   mondo   dal   male,   basta   però riflettere   un   attimo   per   comprendere   lo   scopo   reale   di   questi   mitomani   che   invece   contribuiscono   solo ad alimentare la confusione. D’altro   canto   se   non   si   conoscono   tutte   le   leggi   fisiche   convenzionali,   all’occhio   di   questi   personaggi assetati di notorietà è comodo far risultare tutto paranormale. Teniamo   a   precisare      che   Orizzonti   Paranormali   si   è   sempre   discostato   largamente   da      preconcetti   e   da teorie   legate   allo   spiritismo,      che   non   hanno   nessuna   valenza   scientifica.   Sebbene      il   fondatore   dello spiritismo Allan   Kardec   fosse   un   noto   fisico,   le   sue   teorie   non   hanno   mai   sviluppato      fondamenta   e   non hanno mai ottenuto riscontri oggettivi.    Un'   altro   stereotipo   da   abbattere   è   che   tali   fenomeni   riguardano   solo   ed   esclusivamente   i   defunti. Questo   non   è   assolutamente   vero,   in   quanto   questi   fenomeni   appartengono   a   noi   e   li   possiamo ritrovare   nella   vita   di   tutti   i   giorni.   Non   parliamo   quindi   solo   di   fenomeni   sincronici,   ma   anche   quelli   di precognizione,   di   chiaroveggenza,   dei   possibili   effetti   cinetici   sulla   materia,   delle   influenze   sullo   stato della   materia   o   sullo   stato   degli   eventi.   Risulta   quindi   impossibile   approcciarsi   in   modo   corretto   a   tali argomenti   senza   comprenderne   i   complessi   meccanismi,   che   sono   le   basi   fondamentali   per   le   reali ricerche.     Un    altro    punto    importante    da    considerare    è    la        scarsa    preparazione    fotografica,    acustica, elettroacustica    oltre    che    di    tutte    quelle    leggi    fisiche    che    regolano    la    chimica,    la    cinetica    la termodinamica,   la   fisica   subatomica   e   altri   argomenti   correlati   alle   ricerche   di   carattere   parapsicologico e scientifico. Prendiamo   ad   esempio   l’aspetto   fotografico,   la   definizione   o   la   risoluzione   di   una   foto   sono   entrambi elementi   che   hanno   la   loro   importanza,   ma   non   sono   gli   unici   parametri   da   considerare   e   quindi   non risultano   determinanti.   Da   tenere   in   considerazione   invece,   è   il   protocollo   di   cattura      e   ancora   più importante   è   la   metodologia   di   acquisizione,   perché   senza   di   esse   potrebbe   comparire   nel   fotogramma anche   un   soggetto   definito   perfettamente   ma   se   quel   soggetto   è   frutto   di   un   fattore   artificioso   presente sul posto non ha nessuna valenza a fine scientifico. Orizzonti    Paranormali    dopo    le    ricerche,    esegue    un    lungo    e    approfondito    lavoro    di    analisi    per comprendere   le   eventuali   anomalie   che   vanno   più   volte   verificate   con   protocolli   da   noi   ideati.   Inoltre mediante   l’utilizzo   di   software   dedicati   e   mirati,      impieghiamo   molto   tempo   per   lo   svolgimento   delle analisi   che   si   protraggono   anche   per   mesi.   Al   contrario   ci   sono   associazioni   o   gruppi   che   in   10   giorni pubblicano già i risultati del materiale che raccolgono, materiale che spesso risulta spiegabile. La   nostra   associazione   impiega   numerose   ore   per   condurre   le   ricerche   con   la   massima   serietà   e professionalità,   e   una   domanda   nasce   spontanea   quando   si   vedono   pseudo   ricercatori   che   in   tre   ore realizzano   documentario   di   presentazione,   sopralluogo   e   ricerca   anche   se   le   loro   attività   non   hanno nulla a che vedere con questi termini. D’altra    parte    c’è    chi    estremizza    con    l’assoluta    razionalità    rapportandosi    all’    argomento    solo    sui ragionamenti   e   gli   inganni   del   nostro   cervello,   commettendo   così   un’   abuso   e   un   uso   improprio   di terminologie   senza   comprenderne   il   reale   significato.   Ad   esempio   qualcuno   per   professare   la   sua presunta      professionalità   usa   a   dismisura   la   parola      “pareidolia”,   che   è   un'immagine   coscia   che   creiamo col    cervello    relazionando    e    associando    con    immagini    familiari    ciò    che    stiamo    percependo    in    un determinato   istante,   attraverso   l’uso   dei   nostri   sensi   principali,   riconoscendo   così   reale   il   conosciuto   e ritenendo   nullo   il   non   conosciuto.   Potrebbe   anche   sussistere   pareidolia   attraverso   l’interpretazione   di simboli   o   immagini   a   noi   sconosciuti,   ma   non   dimentichiamoci   che   non   c’è   un   limite   preciso   per   la pareidolia.   Quel   limite   si   presenta   nel   momento   in   cui   riusciamo   a   spiegare   perché   è   stata   rilevata   un’ anomalia,   o   se   si   tratta   di   una   creazione   della   mente.   Mi   spiego,   se   ad   esempio   vedessimo   un   presunto ufo   in   una   foto,   dovremmo   saper   dire   perché   quello   che   si   vede   è   un   ufo   o   perché   non   dovrebbe esserlo.   Nulla   è   assurdo   nell'ambito   parapsicologico   e   non   convenzionale,   ma   molto   è   spiegabile.   Infatti ci   sono   molte   cose   che   razionalmente   sono   spiegabili   attraverso   leggi   fisiche   o   attraverso   processi complessi   del   nostro   cervello,   ma   nulla   di   ciò   che   si   sviluppa   realmente   nell’ambito   paranormale   può essere   controllato   con   la   comune   conoscenza.   Nella   fotografia   ad   esempio   parliamo   di   “energie   sottili”, non   si   può   infatti   pretendere   di   catturare   un   fenomeno   come   fosse   un   oggetto   solido,   come   non   si   può spacciare   un   comune   effetto   fisico   per   qualcosa   di   paranormale,   come   dico   sempre   “la   verità   stà   nel centro”.    Galileo   Galilei   non   ha   inventato   da   subito   il   cannocchiale,   ma   grazie   al   suo   intuito   e   dopo   svariati tentativi   ha   raggiunto   il   suo   obbiettivo   finale.   Allo   stesso   modo   i   ricercatori   seri   si   cimentano   con tecniche   sperimentali   basate   su   reali   conoscenze   per      tentare   di   svelare   tutto   ciò   che   riguarda   il   mondo del paranormale. La   statistica   è   una   scienza   che   studia   la   ripetitività   di   un   fenomeno   in   un   determinato   tempo,   ma   questo fattore   non   esiste   per   episodi   che   sono   regolati   da   leggi   a   noi   ancora   sconosciute   e   svincolate   dagli aspetti   fisici.   Sarebbe   come   dire   vado   a   pesca   di   alici   con   una   rete   da   balena,   la   pesca   sarà   nulla perchè   le   alici   andranno   fuori   dalle   grandi   maglie.   Ci   vogliono   tecniche   particolari   e   protocolli   ben specifici,   altrimenti   i   risultati   saranno   sempre   nulli   o   dubbi.      Se   Galileo   Galilei   non   fosse   partito   da supposizioni,   oggi   forse   le   stelle   e   i   pianeti   sarebbero   troppo   lontani   per   osservarli   e   la   maggior   parte delle   scoperte   correlate   alle   sue   non   sarebbero   mai   venute   alla   luce.   La   chiusura   mentale   non   porta   a nulla,    la    scienza    ha    progredito    per    supposizioni    e    non    per    preconcetti.    In    sostanza    il    fattore determinante   della   nostra   psiche   è   dettato   dalle   esperienze   e   dal   rapporto   del   nostro   passato.   Se   infatti qualcuno    di    noi    vive    un'esperienza    “particolare”    da    quel    momento    in    poi    è    consapevole    che    tali avvenimenti    possano    esistere    ma    non    per    questo    deve    determinare    o    etichettare    tutti    gli    eventi successivi   come   particolari.    Grazie   alla   nostra   esperienza   abbiamo   appreso   che   in   più   del      90%   dei casi   si   tratta      di   suggestione   dettata   dal   dilagare   di   cattive   informazioni,   sulla   base   di   fatti   non   accertati e    non    oggettivi.    Tali    fenomeni    esistono,    ma    non    bisogna    mai    cadere    nell'errore    di    prendere    in considerazione      qualsiasi   cosa   come   extrasensoriale,   il   tutto   va   sempre   verificato   con   opportuni   studi     ricerche e protocolli. Concludo   dicendo   che   il   lavoro   di   ricerca   non   può   solo   precludere   effetti   mentali,   o   processi   psicologici bisogna   basarsi   anche   su   supposizioni,   sfruttando   e   considerando   le   conoscenze   dell'argomento   a   360 gradi.   In   questo   tipo   di   ricerca   la   quantità   di   bagaglio   culturale   è   determinate   a   tal   punto   da   fare   la differenza.   A   volte   è   molto   più   semplice   escludere   e   screditare   che   portare   avanti   una   teoria   con   il giusto   equilibrio   accostato   alla   conoscenza.   La   storia   ci   insegna   che   scienziati,   studiosi,   e   filosofi considerati    folli    in    passato,    adesso    sono    considerati    geni        e    questo    solo    perché    allora    non    si conoscevano   aspetti   che   adesso   sono   conosciuti.   Prendiamo   ad   esempio   la   numerologia,   o   l‘   aspetto di   vedere   lo   stesso   numero   ovunque,   o   più   volte   nell’arco   di   un   determinato   periodo   di   tempo.   Una parte   di   questo   ciclo   di   eventi   sarà   facilmente   creato   dal   nostro   cervello,   in   quanto   quel   determinato numero   ritenuto   familiare,   verrà   messo   in   evidenza   e   sarà   riconosciuto   facilmente   anche   fra   molti numeri.   Un’altra   parte   degli   eventi   avviene   anche   dove   inizialmente   non   sussiste   la   presenza   di   alcun numero   in   un   determinato   luogo,   che   successivamente      potrebbe   comparire   singolarmente   a   noi   in modo   ripetuto   e   improbabile   e   per   quanto   si   cerchi   il   significato   razionale,   abbatte   persino   le   barriere della   casistica.   In   questo   caso   il   riconoscimento   del   numero   non   è   solo   un   carattere   psicologico,   ma una   probabile   espansione   di   coscienza   personale   che   ci   permette   di   notare   e   produrre      una   sorta   di risonanza   col   numero   stesso.   Dov’   è   allora   il   limite   tra   immaginazione   e   realtà?   Tra   follia   e   razionalità? Non   è   una   cosa   semplice   da   determinare,   ma   Orizzonti   Paranormali   ci   prova,   giorno   dopo   giorno espandendo la sua conoscenza e consapevolezza. “La   chiave   della   libertà   stà   nel   libro   del   sapere   che   non   ha   mai   l’ultima   pagina,   e   dove   sulla   sua copertina c’è raffigurato l’infinito”. Grazie per il tempo che ci avete dedicato. Invitiamo tutti a seguirci sulla nostra pagina facebook. Antonio de Bari Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Orizzonti-Paranormali-299776556747275/?notif_t=page_user_activity Leggi anche l’articolo correlato di PROGETTO S.E.R.P. Studi e Ricerche sul Paranormale: Articolo:ricercatori-vs-ghost-hunters-una-sottile-differenza
Copyright
Webmaster: O.P.staff