Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
©   Copyright   2011,   tutti   i   diritti   sono   riservati.   E’   vietata   la   copia   e   la   pubblicazione,   anche   parziale,   del   materiale   su   altri   siti   internet   e   /   o   su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Copyright
Webmaster: O.P.staff
Associazione Culturale Orizzonti Paranormali RESOCONTO DELLA RICERCA CASTELLO DI VALBONA  LOZZO ATESTINO (PD) Durante   la   ricerca   effettuata   presso   il   Castello   di   Valbona,   a   Lozzo   Atestino   in   provincia di   Padova,   sono   emerse   diverse   anomalie   riscontrabili   nell’ambito   acustico,   fotografico, termografico e riguardanti anche alcune interazioni strumentali. Il   campo,   in   cui   è   emerso   il   maggior   numero   d’irregolarità,   è   stato   quello   fotografico: sono   numerose,   infatti,   le   sagome   e   le   figure   piuttosto   singolari   comparse   nelle   foto scattate   all’interno   del   castello,   che   ancora   oggi   conserva   tutto   il   suo   fascino   originale   e sembra proteggere segreti mai svelati nel tempo. In   uno   scatto   fotografico,   ad   esempio,   si   nota   una   sagoma   antropomorfa   che   a   nostro parere    sembra    indossare    un’uniforme    di    tipo    militare,    molto    simile    a    quelle    di    stile francese:    a    confermare    la    nostra    opinione,    ci    sono    diversi    documenti    storici    che testimoniano   il   passaggio   in   questi   luoghi   di   truppe   francesi   e   il   loro   soggiorno   anche all’interno   del   castello.   Durante   l’indagine,   infatti,   il   soggetto   sensibile   ha   affermato   di percepire    la    presenza    di    un    uomo,    con    barba    e    baffi,    che    si    aggirava    lungo    il camminamento   esterno   al   primo   piano,   proprio   simile   alla   figura   di   questo   probabile “ufficiale   francese”,   immortalato   nella   foto.   Sempre   lungo   tale   passaggio,   il   soggetto sensibile   ha   percepito   anche   un   tipo   di   energia   visualizzata   nell’immagine   di   una   ruota   di carro   in   movimento   ed   ha   avvertito,   inoltre,   un’energia   femminile   accompagnata   da   una maschile.   E’   emerso,   infatti,   dall’elaborazione   di   una   delle   foto   effettuate   mediante   una tecnica   particolare,   la   presenza   in   questa   zona   sul   muro   del   castello   di   un   cerchio,   dal quale    sembra    irradiarsi    una    frequenza    ottica    particolare,    non    percepibile    dall’occhio umano,   che   a   sua   volta   pare   generare   quasi   un   vero   e   proprio   ologramma.   Teniamo   a precisare   che   in   quel   momento   nessuno   ha   visto   delle   fonti   luminose   colpire   il   punto   in questione   e   che   nemmeno   delle   sovrapposizioni   di   luce   o   di   riflessi   provenienti   da   altre direzioni,   a   nostro   parere,   potrebbero   giustificare   tale   effetto.   Abbiamo   analizzato   e   fatto attenzione   anche   alle   diverse   posizioni   e   angolazioni   degli   elementi   presenti   nella   foto: ciò   sembra   confermare   ulteriormente   l’ipotesi   che   si   tratti   di   un   fenomeno   inconsueto.     Tale   scatto   presenta   altre   due   anomalie   ottiche.   Una   è   costituita   dal   volto   antropomorfo posto   difronte   il   viso   del   soggetto   sensibile,   mentre   a   sinistra   della   foto   l’altra   mostra   uno strano   assorbimento   di   luce,   che   pare   avere   le   sembianze   di   una   sagoma   umana.   Sempre in   tale   zona,   in   un   altro   scatto,   compare   la   figura   evanescente   di   una   dama   con   un   volto molto   chiaro   che   indossa   il   vestito   di   un’epoca   passata   e   porta   al   collo,   sorretto   anche con   la   mano,   un   crocefisso   ben   pronunciato.   A   questo   proposito,   dal   punto   di   vista storico,    volendo    sbilanciarsi    e    formulare    delle    ipotesi    sulla    sua    identità,    potremmo ricordare   Adelasia,   figlia   dei   marchesi   d’Este   e   donna   molto   religiosa;   oppure   Adelmata dei   Maltraversi,   personaggio   dallo   straordinario   carisma   e   forte   persuasione,   famosa   per aver   guarito   alcune   infermità,   che   i   medici   stessi   ritenevano   incurabili,   e   per   aver   elargito più   volte   preziosi   consigli   alla   nobiltà   maschile.   Nella   fotografia,   accanto   a   tale   figura, sembra   delinearsi   in   maniera   meno   evidente   una   possibile   sagoma   maschile,   che   pare sorreggere   la   mano   della   dama   stessa   proprio   come   si   usava   in   altri   tempi.   La   foto, purtroppo,   non   è   stata   scattata   con   una   macchina   di   altissima   qualità,   quindi   presenta una   risoluzione   piuttosto   bassa   che   non   consente   di   percepire   con   grande   precisione   i dettagli,   ma   potrebbe   comunque   costituire   un’ulteriore   conferma   di   quanto   affermato dalla persona sensibile del gruppo. Sempre    nella    stessa    zona,    inoltre,    sembrava    che    ci    fosse    una    continua    interazione strumentale:   lì,   infatti,   avevamo   posizionato   un   sensore   di   spostamento   termografico, che   ha   generato   ben   quattro   allarmi   senza   alcuna   spiegazione   logica   proprio   poco   dopo che   ci   siamo   allontanati   dal   posto,   sebbene   la   sua   copertura   non   influisse   sulla   nostra posizione.   Sembrava   quasi   che   qualcosa   volesse   che   restassimo   in   quel   punto   preciso, manifestando   tutto   ciò   mediante   l’interazione   con   il   nostro   sensore.   In   seguito   abbiamo costatato,   inoltre,   come   si   sia   verificata   una   strana   anomalia   in   una   delle   fotocamere: improvvisamente   l’orario   delle   registrazioni   ha   segnato   un   inspiegabile   salto   di   ben   due ore   come   se   il   tempo   e   lo   spazio   in   tale   zona   non   fossero   vincolati   da   leggi   fisiche. Durante   le   nostre   ricerche   non   si   sono   mai   verificati   così   tanti   eventi   strani   e   misteriosi   in un unico punto. In    altri    due    scatti    fotografici,    eseguiti    nel    castello,    si    intravedono    i    volti    di    figure femminili:   uno   è   riflesso   all’interno   di   uno   specchio   e   l’altro   è   visibile   vicino   a   uno   dei merli del camminamento esterno. Uno   dei   luoghi   in   cui   il   soggetto   sensibile   ha   percepito   in   modo   particolare   è   stata   in   una delle   stanze   al   primo   piano,   adibita   ad   ufficio.   Proprio   nelle   vicinanze   di   tale   stanza,   ma ancora   prima   di   entrarvi,   il   soggetto   sensibile   ha   affermato   di   avvertire   la   presenza   di   una donna   con   un   copricapo   bianco:   dall’altra   parte   della   parete   accedendo   alla   sala   in questione    abbiamo    potuto    vedere    alcune    foto    incorniciate    e    appese    al    muro,    che ritraevano   delle   donne   vestite   con   abiti   bianchi   d’epoca   medievale   con   un   caratteristico berretto    di    colore    bianco.    Durante    la    ricerca,    sempre    nello    stesso    luogo,    abbiamo registrato   un   aumento   improvviso   di   temperatura   di   circa   sette   gradi,   piuttosto   anomalo rispetto   a   quanto   monitorato   poco   prima.   Da   una   fotografia,   inoltre,   è   emersa   una   strana scia che sembra uscire dal muro.                    Per quanto riguarda l’ambito acustico, sono stati rilevati svariati tipi di fenomeni audio. Per   fare   qualche   esempio   c’è   un   vocalizzo,   forse   di   una   donna   che   sembra   dire   “Conta tu…”   e   successivamente   quello   di   un   uomo   che   pare   affermare   “Adepto   seguimi…”   ,   poi si   sentono   anche   alcuni   lamenti.   Sono   stati   registrati   degli   E.V.P.   molto   interessanti   e strani    che    sembrano    evocare    alcuni    rumori    tipici    di    battaglie    e    combattimenti    del passato. Ad   esempio   si   sente   il   suono   emesso   dal   lancio   di   quella   che   sembra   una   vera   e propria   catapulta   e   il   successivo   tonfo   in   acqua   di   qualcosa,   accompagnato   dalle   grida   di gente,   e   degli   scocchi   di   frecce   che   infrangono   l’aria.   A   questo   proposito   ci   sembra interessante   ricordare   che   scavi   effettuati   intorno   al   castello,   dove   un   tempo   c’era   il fossato,   hanno   riportato   alla   luce   numerose   palle   di   pietra   lanciate   con   molta   probabilità da    catapulte,    e    che    numerosi    documenti    storici    menzionano    la    presenza    di    truppe, costituite    anche    da    balestrieri,    poste    a    guardia    della    fortezza:    ciò    spiegherebbe    e giustificherebbe in parte i fenomeni emersi dal punto di vista acustico. Molti   sono   gli   elementi,   rilevati   durante   l’indagine,   che   confermano   una   forte   correlazione del   luogo   con   il   passato:   i   materiali   originali   sembrano   aver   custodito   con   grande   cura tutte   le   energie   incanalate   durante   il   trascorrere   del   tempo,   pronti   a   svelarle   a   chi   abbia   il desiderio e l’interesse di scoprirle più approfonditamente.