Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
© Copyright 2011, tutti i diritti sono riservati. E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Associazione Culturale Orizzonti Paranormali

RELAZIONE TECNICA VILLA DA PORTO

Montorso Vicentino (VI)

Luogo e modalità di ricerca

In data 18/1/2014 è stata condotta la ricerca presso Villa Da Porto sita nel comune di Montorso Vicentino in provincia di Vicenza. La preparazione tecnica ha avuto inizio alle ore 16.00 mentre, la ricerca vera e propria è iniziata alle ore 00.57 ed è terminata alle ore 04.57 del giorno successivo. Motivo della ricerca Ci siamo interessati alla struttura di Villa Da Porto dopo essere venuti a conoscenza della leggenda che da molto tempo accompagna l’ edificio, e dal vissuto storico del luogo. Motivazioni che potevano in parte favorire l’esistenza di quei fenomeni che rientrano nella categoria di quelli non convenzionali, ritenendo così tale luogo fenomenologicamente interessante. La nostra attenzione non è stata destata per foto scattate da terzi, anche perché inizialmente non ne conoscevamo l’esistenza. Analisi dei fenomeni fisici spiegabili e inquinanti Fenomeni ottici razionali Durante la serata della ricerca, l’illuminazione stradale del comune è stata spenta per non interferire con la cattura fotografica che a causa delle tecniche da noi adottate è influenzabile da fonti di luce esterne. Purtroppo l’intensa umidità nell’aria ha immunizzato in parte l’effetto irradiante di alcune delle nostre apparecchiature, impedendone il pieno rendimento, con la conseguente riduzione del raggio d’ azione. Per quanto riguarda la zona frontale della struttura il passaggio delle autovetture e il relativo inquinamento ottico, non ha influito negativamente durante l’acquisizione fotografica nonostante la vicinanza della strada. La facciata posteriore della villa invece, in alcuni punti potrebbe essere stata interessata da bagliori improvvisi generati dalle autovetture in transito nella strada superiore, che data la presenza di curve, genererebbero dei momentanei flash di luce che potrebbero risultare ingannevoli ed essere interpretati male dal nostro occhio e soprattutto da soggetti più suggestionabili. Le immagini confuse vengono trasmesse velocemente al cervello che successivamente le processa, facendo così assumere alla conformazione luminosa una forma conosciuta consciamente . Fenomeni acustici razionali Durante la ricerca le condizioni metereologiche avverse hanno contribuito ad inquinare fortemente il rilevamento di eventuali campioni acustici, infatti la pioggia incessante ha imperversato durante tutta la nottata. Inoltre sono stati valutati anche tutti gli elementi acustici provenienti dall’esterno della villa. Fattori ad esempio come il traffico, che sebbene limitato non è stato del tutto escludibile, animali notturni, e possibili assestamenti della struttura dovuti ai recenti restauri e lavori di sanamento. Inoltre il continuo variare della quantità di pioggia contribuiva ad alimentare flussi improvvisi d’ acqua che scorrendo sul tetto si incanalava e successivamente si riversava in svariati punti del terreno circostante, colpendo anche oggetti presenti sul luogo e generando di conseguenza suoni di natura non verificabile. Analisi dei valori emissivi di cariche elettriche di fondo. Analisi dei fenomeni elettromagnetici Prima di iniziare la ricerca, è stato posto sotto bonifica l’intero ambiente, utilizzando apparecchiature atte ad analizzare lo spettro di possibili picchi in radiofrequenza e per monitorare gli eventuali fenomeni di campo elettrico e di forza. Sono state impiegate, nello specifico, apparecchiature portatili e da banco, utilizzate in laboratori di misura per l’analisi dello spettro. Durante l’intera ricerca non vi sono state anomalie interazionali significative nell’ambito dei campi elettromagnetici. Sono stati valutati anche possibili presenze di campi elettrici i quali, vista la scarsità di utilizzatori elettrici nell’ambiente, risultavano quasi inesistenti. E stata rilevata una presenza di un ripetitore telefonico nella zona ovest della villa, ma l’emissione risultava molto esigua. Analisi dei fenomeni sismici e cinetici Sono stati monitorati i possibili fenomeni cinetici, ma al momento non risultano riscontri tangibili. Una lieve attività sismica localizzata è stata notata nella zona dei solai superiori del piano terra e del secondo piano, in particolar modo, nel salone principale. Il fenomeno è stato ricondotto a cause del tutto naturali. La pavimentazione di questi piani è costituita da basamenti in legno che, al passaggio degli operatori, generava la flessione delle lunghe travi portanti, con conseguenti vibrazioni dell’intera pavimentazione. Il nostro personale quindi ha eseguito i vari rilevamenti in tali zone, evitando eccessivi movimenti. Durante tutto l’arco della ricerca, i nostri sensori sismici non hanno rilevato parametri di importanza tali da determinare anomalie inusuali. Analisi fenomeni olfattivi Nella fase conclusiva della ricerca è stato avvertito un forte odore simile allo zolfo. Tale odore sembrerebbe essere stato localizzato da più di un componente del nostro staff, esattamente nella zona della loggia esterna. Lo sprigionamento di tale odore secondo le nostre ipotesi potrebbe essere stato generato dalle vicine aziende conciarie. Infatti tale evento potrebbe essere stato causato dalla reazione chimica di due agenti chimici usati spesso per la concia di prima lavorazione. La reazione genererebbe anidride solforosa che sarebbe facilmente confusa con l’odore dello zolfo. Tale informazione c’è stata rilasciata da due chimici che lavorano in due concerie diverse, i quali avvalorerebbero questa tesi. Nonostante l’attribuzione razionale del fenomeno, la cosa che risulta strana è che apparentemente lo sviluppo sia stato localizzato proprio sulla loggia e non in tutta l’area circostante. Non ci sono comunque elementi determinanti per asserire che si tratti o meno di un fenomeno inconsueto, pertanto ci sentiamo di affermare che tale fenomeno sia spiegabile con l’unica ipotesi da noi presentata. Analisi fenomeni ionizzanti Durante il processo di bonifica sono stati valutati i possibili decadimenti di isotopi naturali che avrebbero potuto favorire all’interno della struttura degli episodi allucinatori. E’ stato notato un leggero innalzamento di emissione di particelle alfa e beta solo da parte di una struttura metallica di un componente di tipo cantieristico. Probabilmente tale struttura in precedenza era esposta a raggi cosmici, o molto semplicemente in tale zona vi era una lieve emissione di gas radon del sottosuolo. Le nostre apparecchiature non hanno rilevato parametri fuori la norma durante tutto l’arco della serata, pertanto ci sentiamo di escludere tale ipotesi. Analisi video Durante l’indagine sono state eseguite diverse ore di monitoraggio e cattura video con tipologia Tvcc e mobile, utilizzando tecnologie in banda infrarossa vicina e lontana. Il campionamento delle immagini è stato aumentato con parametri non convenzionali. Ci siamo avvalsi di un' apposita scheda video (non reperibile in commercio), per l’acquisizione di immagini ad alta frequenza di campionamento, permettendo di rilevare piccoli particolari che potrebbero risultare importanti. Durante il lungo processo di analisi del materiale video, non sono stati riscontrati elementi determinanti da poter dimostrare fenomeni non convenzionali. Non risultano riscontri di anomalie tangibili o certificabili, in quanto l’andamento del video e del suo relativo flusso dati risulta regolare. Analisi fenomeni anomali Analisi dei fenomeni elettroacustici Nel lungo processo di analisi elettroacustica sono emerse diverse anomalie riscontrate anche durante la ricerca. Un' area risultata particolarmente interessante da tale punto di vista sembra essere stata la zona dei sotterranei della villa. Infatti siamo riusciti a carpire ben due dei colpi anomali che sembravano provenire dall’interno del muro dei sotterranei e che nulla hanno a che vedere con effetti convenzionali. Questi sviluppi molto spesso sono difficilmente provabili a causa della similarità di sviluppi fisici convenzionali, ma tuttavia presentano caratteristiche spettrali particolari. Il riconoscimento dell’analisi di tali sviluppi è dettato anche dalla tipologia di protocollo di ricerca, che deve contenere degli standard ben precisi per indicare che lo sviluppo fenomenologico sia determinato da cause non razionali. Nel nostro caso mentre il soggetto sensibile tentava di spiegare attraverso visualizzazioni probabili elementi storici, per ben due volte si sono sentiti due colpi sordi provenire dall’interno del muro. Inoltre siamo riusciti a carpire un mugugno purtroppo poco udibile a causa dell’intensa pioggia. Lo sviluppo particolare è emerso invece a ricerca ultimata, mentre i nostri microfoni erano ancora attivi. Sembrerebbe essere infatti stata campionata una voce che non pare avere caratteristiche spettrali umane. Parte del file sembrerebbe essere interessato da locuzioni verbali che evidenzierebbero caratteristiche spettroacustiche simili a quelle di uno sviluppo voce, ma che hanno in realtà scarse informazioni spettrali in termini di f0. Dalle formanti si evince che la traccia contiene parti di tremore vocale caratterizzato dai picchi di sviluppo armonico. Di seguito riportiamo parte dell’analisi spettroacustica.
RILEVAMENTO EMF LUOGO EMISS. MAX  RF mW/m2 EMISS. C.E.   V/m dbm LF  µT LOGGIA 0,0064 0,0494 - 46 0,0 0,1146 SCALINATA 0,0018 0,0262 - 52 0,0 CANTINA 0,0005 0,0147 - 60 0,0 1° PIANO Non  possibile Non possibile   SALA SCAVI 0,0005 0,0147 - 60 0,0 STALLA 0,0005 0,0147 - 60 0,0 ANTI LOGGIA 0,0162 0,0784 - 60 0,05  MAX  0,0 PASSAGGIO  SOTTO SCALINATA 0,0012 0,022 - 59 0,0 SALA CAMINETTO 0,0015 0,0256 - 52 0,0
Pagina sucessiva Pagina sucessiva
Analisi campione voce Villa Da Porto Duration: 1.2 seconds File name: Villa Da Porto scavi\Voce\Campione voce isolato.wav File type: WAV Number of channels: 2 Encoding: linear 24 bit little-endian Sampling frequency: 96000 Hz Size: 120931 samples Start of sample data: 44 bytes from the start of the file Object type: Pitch Object name: Campione_voce villa Da Porto Time domain: Start time: 0 seconds End time: 1 seconds Total duration: 1 seconds Time sampling: Number of frames: 97 (19 voiced) Time step: 0.01 seconds First frame centred at: 0.01999999999999999 seconds Ceiling at: 600 Hz Estimated quantiles: 10% = 397.226844 Hz = 298.991179 Mel = 23.8795575 semitones above 100 Hz = 8.85593156 ERB 16% = 411.054314 Hz = 306.961956 Mel = 24.4719484 semitones above 100 Hz = 9.06137276 ERB 50% = 512.348333 Hz = 362.075377 Mel = 28.2855 semitones above 100 Hz = 10.4511338 ERB 84% = 564.54923 Hz = 388.457875 Mel = 29.9651927 semitones above 100 Hz = 11.098654 ERB 90% = 582.557797 Hz = 397.273587 Mel = 30.5088143 semitones above 100 Hz = 11.3126269 ERB Estimated spreading: 84%-median = 53.63 Hz = 27.11 Mel = 1.726 semitones = 0.6653 ERB median-16% = 104.1 Hz = 56.62 Mel = 3.918 semitones = 1.428 ERB 90%-10% = 190.4 Hz = 101 Mel = 6.811 semitones = 2.524 ERB Minimum 390.915274 Hz = 295.31415 Mel = 23.6022715 semitones above 100 Hz = 8.76075917 ERB Maximum 592.847147 Hz = 402.247806 Mel = 30.8119222 semitones above 100 Hz = 11.432845 ERB Range 201.9 Hz = 106.933656 Mel = 7.21 semitones = 2.672 ERB Average: 493.136096 Hz = 350.817508 Mel = 27.4491297 semitones above 100 Hz = 10.1602305 ERB Standard deviation: 71.12 Hz = 37.71 Mel = 2.542 semitones = 0.9425 ERB Mean absolute slope: 853.4 Hz/s = 454.5 Mel/s = 30.83 semitones/s = 11.38 ERB/s Mean absolute slope without octave jumps: 30.83 semi Campione intero 56.6 dB (mean-energy intensity in SELECTION) 46.0 dB (minimum intensity in SELECTION 67.6 dB (maximum intensity in SELECTION) 347.0 Hz (minimum pitch in SELECTION) 439.7Hz (mean pitch in SELECTION) 507.9Hz (maximum pitch in SELECTION) -- Voice report for 1. Campione_voce Villa Da Porto_isolato -- Time range of SELECTION From 0.553418 to 0.618365 seconds (duration: 0.064947 seconds) Pitch: Median pitch: 394.300 Hz Mean pitch: 405.565 Hz Standard deviation: 22.079 Hz Minimum pitch: 377.399 Hz Maximum pitch: 436.548 Hz Pulses: Number of pulses: 22 Number of periods: 19 Mean period: 2.499984E-3 seconds Standard deviation of period: 0.292891E-3 seconds Voicing: Fraction of locally unvoiced frames: 14.286% (1 / 7) Number of voice breaks: 0 Degree of voice breaks: 0 (0 seconds / 0.064947 seconds) Jitter: Jitter (local): 8.016% Jitter (local, absolute): 200.404E-6 seconds Jitter (rap): 3.091%(Perturbazione Relativa Media Jitter (ppq5): 4.210% (Quoziente di Perturbazione di fo Jitter (ddp): 9.273% Shimmer: Shimmer (local): 16.116% Shimmer (local, dB): 1.799 dB Shimmer (apq3): 7.767% Shimmer (apq5): 2.888% Shimmer (apq11): --undefined-- Shimmer (dda): 23.300% Harmonicity of the voiced parts only: Mean autocorrelation: 0.643351 Mean noise-to-harmonics ratio: 0.578989 (Rapporto Rumore-Armoniche Mean harmonics-to-noise ratio: 2.623 dB
Simbolo cr
Infinito logo ufficiale Orizzonti Paranormali
Associazione Culturale Orizzonti Paranormali RELAZIONE TECNICA VILLA DA PORTO Montorso Vicentino (VI) Luogo e modalità di ricerca In data 18/1/2014 è stata condotta la ricerca presso Villa Da Porto sita nel comune di Montorso Vicentino in provincia di Vicenza. La preparazione tecnica ha avuto inizio alle ore 16.00 mentre, la ricerca vera e propria è iniziata alle ore 00.57 ed è terminata alle ore 04.57 del giorno successivo. Motivo della ricerca Ci siamo interessati alla struttura di Villa Da Porto dopo essere venuti a conoscenza della leggenda che da molto tempo accompagna l’ edificio, e dal vissuto storico del luogo. Motivazioni che potevano in parte favorire l’esistenza di quei fenomeni che rientrano nella categoria di quelli non convenzionali, ritenendo così tale luogo fenomenologicamente interessante. La nostra attenzione non è stata destata per foto scattate da terzi, anche perché inizialmente non ne conoscevamo l’esistenza. Analisi dei fenomeni fisici spiegabili e inquinanti Fenomeni ottici razionali Durante la serata della ricerca, l’illuminazione stradale del comune è stata spenta per non interferire con la cattura fotografica che a causa delle tecniche da noi adottate è influenzabile da fonti di luce esterne. Purtroppo l’intensa umidità nell’aria ha immunizzato in parte l’effetto irradiante di alcune delle nostre apparecchiature, impedendone il pieno rendimento, con la conseguente riduzione del raggio d’ azione. Per quanto riguarda la zona frontale della struttura il passaggio delle autovetture e il relativo inquinamento ottico, non ha influito negativamente durante l’acquisizione fotografica nonostante la vicinanza della strada. La facciata posteriore della villa invece, in alcuni punti potrebbe essere stata interessata da bagliori improvvisi generati dalle autovetture in transito nella strada superiore, che data la presenza di curve, genererebbero dei momentanei flash di luce che potrebbero risultare ingannevoli ed essere interpretati male dal nostro occhio e soprattutto da soggetti più suggestionabili. Le immagini confuse vengono trasmesse velocemente al cervello che successivamente le processa, facendo così assumere alla conformazione luminosa una forma conosciuta consciamente . Fenomeni acustici razionali Durante la ricerca le condizioni metereologiche avverse hanno contribuito ad inquinare fortemente il rilevamento di eventuali campioni acustici, infatti la pioggia incessante ha imperversato durante tutta la nottata. Inoltre sono stati valutati anche tutti gli elementi acustici provenienti dall’esterno della villa. Fattori ad esempio come il traffico, che sebbene limitato non è stato del tutto escludibile, animali notturni, e possibili assestamenti della struttura dovuti ai recenti restauri e lavori di sanamento. Inoltre il continuo variare della quantità di pioggia contribuiva ad alimentare flussi improvvisi d’ acqua che scorrendo sul tetto si incanalava e successivamente si riversava in svariati punti del terreno circostante, colpendo anche oggetti presenti sul luogo e generando di conseguenza suoni di natura non verificabile. Analisi dei valori emissivi di cariche elettriche di fondo. Analisi dei fenomeni elettromagnetici Prima di iniziare la ricerca, è stato posto sotto bonifica l’intero ambiente, utilizzando apparecchiature atte ad analizzare lo spettro di possibili picchi in radiofrequenza e per monitorare gli eventuali fenomeni di campo elettrico e di forza. Sono state impiegate, nello specifico, apparecchiature portatili e da banco, utilizzate in laboratori di misura per l’analisi dello spettro. Durante l’intera ricerca non vi sono state anomalie interazionali significative nell’ambito dei campi elettromagnetici. Sono stati valutati anche possibili presenze di campi elettrici i quali, vista la scarsità di utilizzatori elettrici nell’ambiente, risultavano quasi inesistenti. E stata rilevata una presenza di un ripetitore telefonico nella zona ovest della villa, ma l’emissione risultava molto esigua. Analisi dei fenomeni sismici e cinetici Sono stati monitorati i possibili fenomeni cinetici, ma al momento non risultano riscontri tangibili. Una lieve attività sismica localizzata è stata notata nella zona dei solai superiori del piano terra e del secondo piano, in particolar modo, nel salone principale. Il fenomeno è stato ricondotto a cause del tutto naturali. La pavimentazione di questi piani è costituita da basamenti in legno che, al passaggio degli operatori, generava la flessione delle lunghe travi portanti, con conseguenti vibrazioni dell’intera pavimentazione. Il nostro personale quindi ha eseguito i vari rilevamenti in tali zone, evitando eccessivi movimenti. Durante tutto l’arco della ricerca, i nostri sensori sismici non hanno rilevato parametri di importanza tali da determinare anomalie inusuali. Analisi fenomeni olfattivi Nella fase conclusiva della ricerca è stato avvertito un forte odore simile allo zolfo. Tale odore sembrerebbe essere stato localizzato da più di un componente del nostro staff, esattamente nella zona della loggia esterna. Lo sprigionamento di tale odore secondo le nostre ipotesi potrebbe essere stato generato dalle vicine aziende conciarie. Infatti tale evento potrebbe essere stato causato dalla reazione chimica di due agenti chimici usati spesso per la concia di prima lavorazione. La reazione genererebbe anidride solforosa che sarebbe facilmente confusa con l’odore dello zolfo. Tale informazione c’è stata rilasciata da due chimici che lavorano in due concerie diverse, i quali avvalorerebbero questa tesi. Nonostante l’attribuzione razionale del fenomeno, la cosa che risulta strana è che apparentemente lo sviluppo sia stato localizzato proprio sulla loggia e non in tutta l’area circostante. Non ci sono comunque elementi determinanti per asserire che si tratti o meno di un fenomeno inconsueto, pertanto ci sentiamo di affermare che tale fenomeno sia spiegabile con l’unica ipotesi da noi presentata. Analisi fenomeni ionizzanti Durante il processo di bonifica sono stati valutati i possibili decadimenti di isotopi naturali che avrebbero potuto favorire all’interno della struttura degli episodi allucinatori. E’ stato notato un leggero innalzamento di emissione di particelle alfa e beta solo da parte di una struttura metallica di un componente di tipo cantieristico. Probabilmente tale struttura in precedenza era esposta a raggi cosmici, o molto semplicemente in tale zona vi era una lieve emissione di gas radon del sottosuolo. Le nostre apparecchiature non hanno rilevato parametri fuori la norma durante tutto l’arco della serata, pertanto ci sentiamo di escludere tale ipotesi. Analisi video Durante l’indagine sono state eseguite diverse ore di monitoraggio e cattura video con tipologia Tvcc e mobile, utilizzando tecnologie in banda infrarossa vicina e lontana. Il campionamento delle immagini è stato aumentato con parametri non convenzionali. Ci siamo avvalsi di un' apposita scheda video (non reperibile in commercio), per l’acquisizione di immagini ad alta frequenza di campionamento, permettendo di rilevare piccoli particolari che potrebbero risultare importanti. Durante il lungo processo di analisi del materiale video, non sono stati riscontrati elementi determinanti da poter dimostrare fenomeni non convenzionali. Non risultano riscontri di anomalie tangibili o certificabili, in quanto l’andamento del video e del suo relativo flusso dati risulta regolare. Analisi fenomeni anomali Analisi dei fenomeni elettroacustici Nel lungo processo di analisi elettroacustica sono emerse diverse anomalie riscontrate anche durante la ricerca. Un' area risultata particolarmente interessante da tale punto di vista sembra essere stata la zona dei sotterranei della villa. Infatti siamo riusciti a carpire ben due dei colpi anomali che sembravano provenire dall’interno del muro dei sotterranei e che nulla hanno a che vedere con effetti convenzionali. Questi sviluppi molto spesso sono difficilmente provabili a causa della similarità di sviluppi fisici convenzionali, ma tuttavia presentano caratteristiche spettrali particolari. Il riconoscimento dell’analisi di tali sviluppi è dettato anche dalla tipologia di protocollo di ricerca, che deve contenere degli standard ben precisi per indicare che lo sviluppo fenomenologico sia determinato da cause non razionali. Nel nostro caso mentre il soggetto sensibile tentava di spiegare attraverso visualizzazioni probabili elementi storici, per ben due volte si sono sentiti due colpi sordi provenire dall’interno del muro. Inoltre siamo riusciti a carpire un mugugno purtroppo poco udibile a causa dell’intensa pioggia. Lo sviluppo particolare è emerso invece a ricerca ultimata, mentre i nostri microfoni erano ancora attivi. Sembrerebbe essere infatti stata campionata una voce che non pare avere caratteristiche spettrali umane. Parte del file sembrerebbe essere interessato da locuzioni verbali che evidenzierebbero caratteristiche spettroacustiche simili a quelle di uno sviluppo voce, ma che hanno in realtà scarse informazioni spettrali in termini di f0. Dalle formanti si evince che la traccia contiene parti di tremore vocale caratterizzato dai picchi di sviluppo armonico. Di seguito riportiamo parte dell’analisi spettroacustica.
RILEVAMENTO EMF LUOGO EMISS. MAX  RF mW/m2 EMISS. C.E.   V/m dbm LF  µT LOGGIA 0,0064 0,0494 - 46 0,0 0,1146 SCALINATA 0,0018 0,0262 - 52 0,0 CANTINA 0,0005 0,0147 - 60 0,0 1° PIANO Non  possibile Non possibile   SALA SCAVI 0,0005 0,0147 - 60 0,0 STALLA 0,0005 0,0147 - 60 0,0 ANTI LOGGIA 0,0162 0,0784 - 60 0,05  MAX  0,0 PASSAGGIO  SOTTO SCALINATA 0,0012 0,022 - 59 0,0 SALA CAMINETTO 0,0015 0,0256 - 52 0,0
Pagina sucessiva Pagina sucessiva
Analisi campione voce Villa Da Porto Duration: 1.2 seconds File name: Villa Da Porto scavi\Voce\Campione voce isolato.wav File type: WAV Number of channels: 2 Encoding: linear 24 bit little-endian Sampling frequency: 96000 Hz Size: 120931 samples Start of sample data: 44 bytes from the start of the file Object type: Pitch Object name: Campione_voce villa Da Porto Time domain: Start time: 0 seconds End time: 1 seconds Total duration: 1 seconds Time sampling: Number of frames: 97 (19 voiced) Time step: 0.01 seconds First frame centred at: 0.01999999999999999 seconds Ceiling at: 600 Hz Estimated quantiles: 10% = 397.226844 Hz = 298.991179 Mel = 23.8795575 semitones above 100 Hz = 8.85593156 ERB 16% = 411.054314 Hz = 306.961956 Mel = 24.4719484 semitones above 100 Hz = 9.06137276 ERB 50% = 512.348333 Hz = 362.075377 Mel = 28.2855 semitones above 100 Hz = 10.4511338 ERB 84% = 564.54923 Hz = 388.457875 Mel = 29.9651927 semitones above 100 Hz = 11.098654 ERB 90% = 582.557797 Hz = 397.273587 Mel = 30.5088143 semitones above 100 Hz = 11.3126269 ERB Estimated spreading: 84%-median = 53.63 Hz = 27.11 Mel = 1.726 semitones = 0.6653 ERB median-16% = 104.1 Hz = 56.62 Mel = 3.918 semitones = 1.428 ERB 90%-10% = 190.4 Hz = 101 Mel = 6.811 semitones = 2.524 ERB Minimum 390.915274 Hz = 295.31415 Mel = 23.6022715 semitones above 100 Hz = 8.76075917 ERB Maximum 592.847147 Hz = 402.247806 Mel = 30.8119222 semitones above 100 Hz = 11.432845 ERB Range 201.9 Hz = 106.933656 Mel = 7.21 semitones = 2.672 ERB Average: 493.136096 Hz = 350.817508 Mel = 27.4491297 semitones above 100 Hz = 10.1602305 ERB Standard deviation: 71.12 Hz = 37.71 Mel = 2.542 semitones = 0.9425 ERB Mean absolute slope: 853.4 Hz/s = 454.5 Mel/s = 30.83 semitones/s = 11.38 ERB/s Mean absolute slope without octave jumps: 30.83 semi Campione intero 56.6 dB (mean-energy intensity in SELECTION) 46.0 dB (minimum intensity in SELECTION 67.6 dB (maximum intensity in SELECTION) 347.0 Hz (minimum pitch in SELECTION) 439.7Hz (mean pitch in SELECTION) 507.9Hz (maximum pitch in SELECTION) -- Voice report for 1. Campione_voce Villa Da Porto_isolato -- Time range of SELECTION From 0.553418 to 0.618365 seconds (duration: 0.064947 seconds) Pitch: Median pitch: 394.300 Hz Mean pitch: 405.565 Hz Standard deviation: 22.079 Hz Minimum pitch: 377.399 Hz Maximum pitch: 436.548 Hz Pulses: Number of pulses: 22 Number of periods: 19 Mean period: 2.499984E-3 seconds Standard deviation of period: 0.292891E-3 seconds Voicing: Fraction of locally unvoiced frames: 14.286% (1 / 7) Number of voice breaks: 0 Degree of voice breaks: 0 (0 seconds / 0.064947 seconds) Jitter: Jitter (local): 8.016% Jitter (local, absolute): 200.404E-6 seconds Jitter (rap): 3.091%(Perturbazione Relativa Media Jitter (ppq5): 4.210% (Quoziente di Perturbazione di fo Jitter (ddp): 9.273% Shimmer: Shimmer (local): 16.116% Shimmer (local, dB): 1.799 dB Shimmer (apq3): 7.767% Shimmer (apq5): 2.888% Shimmer (apq11): --undefined-- Shimmer (dda): 23.300% Harmonicity of the voiced parts only: Mean autocorrelation: 0.643351 Mean noise-to-harmonics ratio: 0.578989 (Rapporto Rumore-Armoniche Mean harmonics-to-noise ratio: 2.623 dB
Menu