Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
©   Copyright   2011,   tutti   i   diritti   sono   riservati.   E’   vietata   la   copia   e   la   pubblicazione,   anche   parziale,   del   materiale   su   altri   siti   internet   e   /   o   su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Copyright
Webmaster: O.P.staff
La storia Castello Dal Verme - Zavattarello (PV) Il   Castello   di   Zavattarello   è   un   mirabile   esempio   di architettura     militare,     la     cui     funzionalità     gli     ha permesso   di   resistere   a   numerosi   assedi   senza   mai venire   espugnato.   La   visita   guidata   conduce   in   ogni sala,   dalle   prigioni   scavate   nella   roccia   alla   cima   della torre   di   avvistamento,   da   cui   si   gode   un   panorama mozzafiato   delle   vallate   circostanti.   La   vista   quassù spazia   a   360°,   dando   la   migliore   idea   della   posizione strategica   del   castello:   si   possono   ammirare   i   castelli dei    dintorni    -    Valverde,    Pietragavina,    Torre    degli Alberi,   fino   a   Montalto   Pavese   e   alla   Pianura   Padana. Nelle    giornate    più    limpide,    la    catena    delle    Alpi circonda    le    colline    quasi    a    volerle    stringere    in    un abbraccio.   Unico   nel   suo   genere   è   il   sistema   interno di    livelli,    collegati    da    numerosi    passaggi    e    scale secondarie,   quasi   un   labirinto,   aspetto   che   suscita   numerose   interpretazioni   e   curiosità,   essendo   troppo particolare   per   essere   soltanto   un   riflesso   dei   numerosi   rimaneggiamenti   che   la   struttura   subì   nel   corso del   tempo.   Il   restauro   della   struttura   architettonica   è   terminato   da   pochi   anni   ed   ora   ogni   angolo   del maniero   è   tornato   al   suo   antico   splendore:   dalla   Sala   delle   Feste   alla   cucina,   dalla   Sala   della   Musica alla   Sala   delle Armi,   dalla   camera   da   letto   barocca   all'affascinante   cortile   interno.   Ma   ciò   che   colpisce   di più   il   visitatore   è   l'imponenza,   la   solennità,   l'emozione   che   suscita   essere   completamente   immersi   in oltre   mille   anni   di   storia,   il   ripercorrere   passo   dopo   passo,   gradino   dopo   gradino,   la   vita   di   centinaia   di persone   che   passando   di   qui   hanno   in   qualche   modo   lasciato   una   loro   traccia,   un   frammento   della   loro vita   e   del   loro   tempo.   Questa   eredità   è   stata   accolta   dalle   guide,   dai   custodi,   dagli   amministratori   del Comune   e   da   tutti   coloro   che   oggi   amano   questo   luogo   magico   e   si   impegnano   per   trasmettere   al presente   e   al   futuro   la   grande   eredità   del   passato,   che   è   la   miglior   lezione   per   iniziare   a   costruire   un futuro migliore. Le principali vicende storiche Il    primo    nucleo    del    castello    di    Zavattarello    venne    edificato    dal    Monastero    di    Bobbio    (Pc)    molto probabilmente   alla   fine   del   X   secolo.   Esso   restò   possedimento   del   monastero   sino   al   1169,   quando, durante    le    lotte    tra    Pavesi    e    Piacentini,    fu    conquistato    da    questi    ultimi.    Nel    1209,    per    decisione dell'imperatore   Ottone   IV,   Zavattarello   ridivenne   possedimento   del   vescovo   di   Bobbio.   Fu   teatro   di   prolungate   contese   tra   due   fazioni   piacentine:   quella   ghibellina   capitanata   dalla   famiglia   Landi   e   quella guelfa    guidata    dalla    casata    degli    Scotti.    Le    alterne    vicende    belliche    e    diplomatiche    permisero    a entrambe   le   parti   di   governare   il   feudo.   Su   Ubertino   Landi,   temuto   signore   di   Zavattarello   a   partire   dal 1264,   si   favoleggiavano   truci   leggende.   Difese   il   castello   da   numerosi   attacchi   e   combatté   in   altrettante sanguinarie   battaglie.   Fu   grazie   alla   sua   potente   influenza   che   si   consolidò   lo   sviluppo   del   borgo   di Zavattarello.   Col   tempo   e   con   la   vecchiaia   egli   però   decise   di   cedere   i   suoi   possedimenti   ai   guelfi piacentini.   Nel   1327   Manfredo   Landi   divenne   signore   del   castello,   grazie   a   Lodovico   il   Bavaro.   Il   suo dominio    sull'Oltrepò    Pavese    si    consolidò    nel    1358, quando     le     famiglie     Landi,     Beccaria     e     Visconti     si allearono    contro    i    Pavesi,    firmando    l'accordo    proprio all'interno   del   Castello   di   Zavattarello.   L'affermazione   dei Visconti    segnò    l'ascesa    dei    Dal    Verme:    nel    1385    il vescovo     di     Bobbio,     Roberto     Lanfranco     da     Pisa, recuperò    il    possesso    del    feudo    di    Zavattarello    e    lo attribuì     nel     1390     a     Jacopo     Dal     Verme,     celebre condottiero    di    origine    veronese    e    fondatore    di    una scuola    militare    conosciuta    in    tutta    Europa.    Questo celebre   capitano   di   ventura,   che   meritò   una   citazione   da Lodovico Ariosto   nel   XXIII   canto   dell'Orlando   Furioso,   fu il   primo   della   casata   Dal   Verme   ad   avere   possedimenti nell'Oltrepò    Pavese.    Nel    1485    Lodovico    il    Moro    fece avvelenare   il   conte   Pietro   Dal   Verme,   che   non   lasciò prole   maschile:   il   Moro   si   impadronì   cosi   di   Zavattarello e   lo   infeudò   a   Galeazzo   Sanseverino,   conte   di   Caiazzo.   Nel   1499   il   Moro   fuggì   da   Milano   di   fronte all'avanzata    dell'esercito    francese    comandato    dal    milanese    Gian    Giacomo   Trivulzio    e    si    rifugiò    in Germania,   insieme   al   Sanseverino.   Bernardino   della   Corte,   cui   era   stato   affidato   il   Castello   di   Milano,   si arrese   ai   Francesi   per   denaro   e   fu   ricompensato   proprio   col   feudo   di   Zavattarello   e   con   altri   beni   che erano   appartenuti   ai   Dal   Verme.   Gli   eredi   di   questa   famiglia   però   continuavano   a   reclamare   i   propri diritti   e   nel   1512,   alla   morte   della   Corte,   riebbero   Zavattarello.   Da   parte   sua,   il   Sanseverino   si   alleò   ai Francesi   e   nel   1520   riottenne   il   feudo   da   Francesco   I.   Le   lotte   tra   il   Sanseverino   e   i   Dal   Verme terminarono   solo   con   la   morte   del   primo   nel   corso   della   battaglia   di   Pavia   nel   1525:   da   allora   i   Dal Verme   rimasero   padroni   incontrastati   del   feudo   di   Zavattarello.   Con   la   seconda   guerra   mondiale,   i   Conti lasciarono   il   castello,   che   divenne   uno   dei   teatri   delle   vicende   belliche   dell'Oltrepò,   venendo   purtroppo danneggiato   da   un   incendio   il   23   novembre   1944.   Nel   1975   i   figli   e   la   moglie   del   Conte   Giuseppe   Dal Verme    firmarono    un    atto    di    donazione    del    castello    al    Comune    di    Zavattarello,    che    ne    è    l'attuale proprietario   e   che   si   è   occupato,   nei   decenni,   dei   restauri   che   rendono   oggi   il   maniero   un   polo   di attrazione turistica e culturale in continua crescita. LA LEGGENDA  Un fantasma tra le mura Storia e leggenda di Pietro dal Verme Oltre   a   importanti   fatti   storici,   il   Castello   Dal   Verme   è   stato   anche   testimone   di   numerosi   strani   eventi che   restano   tutt'ora   senza   una   plausibile   spiegazione.   Essi   sono   attribuiti   allo   spirito   di   Pietro   dal   Verme, signore   del   castello   nel   XV   secolo.   Pietro   era   promesso   sposo   a   Chiara   Sforza,   la   figlia   del   potente signore    di    Milano    Galeazzo    Maria:    si    trattava    di    pure    nozze    di convenienza    che    miravano    ad    unire    due    esponenti    di    due    ricche    e potenti   famiglie   del   Nord   Italia.   Pietro   però   si   era   innamorato   di   Cecilia Del    Maino,    figlia    del    consigliere    ducale   Andreotto.    Con    quest'ultimo, Pietro   iniziò   a   trattare   per   poter   sposare   la   sua   amata,   ma   agli   Sforza   la cosa   non   piacque.   Galeazzo   Maria   lo   fece   arrestare   per   disobbedienza, nel   tentativo   di   convincerlo   alle   nozze   con   sua   figlia   Chiara.   Il   dal   Verme fu   infine   liberato   grazie   alla   mediazione   di   Federico   da   Montefeltro   e ottenne,   infine,   anche   il   consenso   alle   nozze   con   Cecilia.   La   coppia trascorse   insieme   alcuni   felici   anni,   fino   alla   morte   prematura   di   lei   nel 1479.   Poiché   Chiara   Sforza   era   ancora   nubile,   in   breve   tempo   venne celebrato    il    matrimonio    tra    lei    e    Pietro.    Però    gli    storici    dell'epoca sostengono   che   la   sposina   non   avesse   accettato   il   fatto   che   Pietro   le avesse     preferito     un'altra     donna:     il     matrimonio     era     stato     sì     di convenienza,    ma    la    Sforza    non    era    contenta    di    essere    la    seconda scelta.    Così,    istigata    forse    dallo    zio    Lodovico    il    Moro,    che    avrebbe ottenuto   discreti   vantaggi   dalla   morte   del   dal   Verme,   Chiara   uccise   suo marito.   Si   vocifera   che   il   17   ottobre   1485   la   donna   abbia   aggiunto   un potente veleno alla colazione di Pietro: per il dal Verme non ci fu scampo. Qui finisce la storia, e comincia la leggenda... Numerose    sono    le    testimonianze    di    avvenimenti    inspiegabili    accaduti    nelle    sale    del    castello    di Zavattarello:   sedie   spostate,   strani   rumori,   porte   aperte   misteriosamente,   spartiti   scomparsi   durante   i concerti, voci maschili senza volto. Fonte: www.zavattarello.org Foto 1 castello: www.mondimedievali.net