Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
©   Copyright   2011,   tutti   i   diritti   sono   riservati.   E’   vietata   la   copia   e   la   pubblicazione,   anche   parziale,   del   materiale   su   altri   siti   internet   e   /   o   su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Copyright
Webmaster: O.P.staff
La storia Castello della Villa (o Romeo) - Montecchio Maggiore (VI) La   particolare   posizione   geografica   di   questi   rilievi,   che permette   di   dominare   l’area   compresa   tra   i   Colli   Berici   e   le colline   delle   valli   di   Chiampo   e   dell’Agno,   fu   considerata interessante    sin    dalla    dominazione    romana.    I    romani, probabilmente,   furono   i   primi   ad   edificare   delle   torri   di osservazione,    sfruttando    la    posizione    strategica    delle sommità.   Le   prime   voci   storiche,   che   ci   parlano   di   un castello    costruito    su    queste    colline,    risalgono    all’anno 1000.   Ed   i   primi   signori   di   Montecchio,   e   del   castello, furono   i   Bongiudei.    Per   successione   poi   passò   alla   casata dei   Pilei,   di   origine   tedesca,   per   oltre   due   secoli.   In   questo periodo     si     svolsero     aspre     lotte     contro     Ezzelino     da Romano,   dominatore   di   gran   parte   dei   territori   veneti.   Nel   1207   i   due   signori   concordarono   un   patto   di pace,    che    si    rivelò    solo    un    breve    periodo    di    tregua.    Ezzelino,    grazie    all’appoggio    del    suocero, l’imperatore   Federico   II,   costrinse   i   Pilei   alla   resa.   Duecento   saraceni   furono   lasciati   a   guardia   e   difesa delle   fortezze.   Nel   frattempo   Uguccione   Pileo   riuscì   a   ripristinare   il   proprio   esercito,   e   sconfiggere   i saraceni.   Ezzelino   rispose   con   un   attacco   cruento,   distrusse   le   rocche   e   fece   uccidere   tutta   la   famiglia dei   Pilei.   Quel   che   rimase   del   castello   passò,   nel   1314,   alla   Signoria   Scaligera.   Nel   corso   della   guerra Veneto   -   Scaligera,   che   terminò   nel   1339,   il   castello   fu   completamente   distrutto,   ed   i   vincitori   imposero agli    Scaligeri    di    non    ricostruirlo.    L’edificazione    degli    attuali    castelli    iniziò    nel    1354    da    parte    di Cangrande   II   della   Scala   signore   di   Verona.   E’   a   questo   periodo   che   si   riferisce   la   storia   di   Giulietta Capuleti   e   Romeo   Montecchi.   Dai   Signori   di   Verona   passarono   ai   Visconti   Signori   di   Milano.   Ma,   nel 1404   i   cittadini   di   Montecchio   accettarono   spontaneamente   la   protezione   della   Serenissima   Repubblica di   Venezia.   I   castelli   nella   loro   completezza   erano   collegati   da   mura   di   cinta,   la   superficie   interna   era   di circa   15   ettari   (corrispondenti   alla   misura   locale   di   40   campi   vicentini),   su   cui   sorgevano   costruzioni   in legno   e   pietra,   dove   venivano   ospitati   soldati    e   cittadini   in   caso   di   attacco   bellico.   Il   1514   fu   l’anno   di una   ulteriore   distruzione   dei   castelli,   ordinata   da   Bartolomeo   D’Alviano,   con   preciso   intento   che   non potessero   servire   ad   altri   invasori   per   scopi   bellici.   Era   il   periodo   della   guerra   della   Lega   di   Cambrai.   La pace   vera   per   i   castelli   arrivò   nel   1742,   quanto   fu   lo   stesso   comune   di   Montecchio   Maggiore   ad acquistarli.   Il   vero   intervento   di   ristrutturazione   iniziò   solo   nel   1936,   e   dopo   la   II   guerra   mondiale   partì   il progetto    di    valorizzazione    turistica.    Nel    corso    degli    ultimi    decenni    sono    state    varie    le    opere    di mantenimento e ristrutturazione. Castello della Villa (o di Romeo) E’   il   castello   di   Romeo,   bellissimo   esempio   di   architettura   militare   trecentesca. Sorge   più   in   basso   rispetto   a   quello   di   Giulietta,   ma   parliamo   di   una   differenza di   appena   20   metri   sul   livello   del   mare.   Il   castello   di   Giulietta   è   a   254   metri   sul livello   del   mare,   mentre   quello   di   Romeo   a   234.   La   superficie   è   di   1.850   mq   e la   torre   e   di   22   metri,   dalla   sua   terrazza   si   domina   tutto   il   territorio   circostante. In   estate   al   suo   interno   si   svolgono   varie   manifestazioni   culturali,   mentre   il mastio è riservato per esposizioni artistiche di vario genere. Fonte: http://www.castelliveneti.it/castello_giulietta_e_romeo La leggenda E’   Shakespeare   stesso   a   riassumere   così   la   storia   d’amore   più   struggente   di   ogni   tempo,   Giulietta   e Romeo,   nel   prologo   della   tragedia.   La   ambienta   a   Verona,   città   romantica   di   torri   e   palazzi   lungo l’Adige,   ma   il   cuore   della   storia   batte   altrove.   Sui   colli   di   Montecchio   Maggiore.   E’   qui   che   la   vicenda   dei Capuleti   e   dei   Montecchi   trova   le   sue   radici   ed   ancora   oggi   vive   nelle   giornate   medievali   della   Faida   di primavera   e   soprattutto   dentro   il   castello   della   Bellaguardia,   dimora   di   Giulietta.   Non   c’è   luogo   più adatto   per   rileggere   i   cinque   atti   della   tragedia,   che   la   terrazza   del   castello   della   Bellaguardia   (o   di Giulietta)   che   guarda   il   castello   della   Villa   (o   di   Romeo).   E’   un   nobile   vicentino,   passato   per   vicende d’armi,   ad   avere   ispirato   Shakespeare.   Si   chiama   Luigi   Da   Porto   (1485-1529),   abita   a   Montorso   in   una splendida    villa    di    pianura    e    guarda    verso    est,    sulla    collina    dove    campeggiano    due    castelli    di Montecchio    Maggiore.    Vi    erano    postazioni    romane    sulla    sommità,    poi    medievali.    Nei    primi    del Duecento   il   castello   di   Montecchio   è   la   dote   di   Speronella   dei   Bongiudei   quando   sposa   Uguccione Pileo.   Sono   anni   di   faide   e   guerre   intestine   tra   famiglie   schierate   in   fazioni,   pro   e   contro   gli   Ezzelini,   pro e   contro   Federico   II   di   Svevia.   Ezzelino   III   rade   al   suo   il   castello   a   metà   del   Duecento,   ma   50   anni   dopo certamente   le   torri   risorgono   e   fanno   parte   di   un   sistema   fortificato   a   partire   dal   dominio   di   Cangrande della   Scala.Nuove   distruzioni   del   Cinquecento,   ai   tempi   della   Lega   di   Cambrai,   in   pieno   dominio   della Serenissima.   E   rimasero   ruderi   per   secoli.   Ma   il   letterato   Da   Porto,   sfigurato   e   semi   paralizzato   proprio nelle   lotte   tra   fazioni   venete,   riversa   in   una   novella   la   storia   personale   di   un   amore   sfumato,   quello   per Lucina     Savorgnan     che     va     in     sposa     al     suo avversario    per    ragioni    politiche.    Non    riuscirà    a consolarsi   nemmeno   con   una   dama   padovana,   e manifesterà     anche     nei     Sonetti     la     sua     pena. Costruisce    così    ,guardando    ai    due    castelli    e recuperando   echi   di   precedenti   novelle   (Ganozza e   Mariotto   in   Masuccio   Salernitano   e   prima   ancora Ovidio     con     Piramo     e     Tisbe,     il     Filocolo     di Boccaccio)   la   “Istoria   novellamente   ritrovata   di   due nobili   amanti,   trovata   due   anni   dopo   la   sua   morte. E’   lui   che   scrive   la   vicenda   di   Giulietta   e   Romeo, membri    di    due    famiglie    che    si    odiano    e    che deporranno   le   ostilità   solo   dopo   la   morte   dei   due giovani.   Un   sogno   di   pace   che   lui   stesso   non   vide realizzato.   E’   Da   Porto   per   primo   a   trasferire   –   per ovvie   ragioni   –   la   novella   a   Verona   nel   tempo   di   Bartolomeo   della   Scala.   I   due   giovani   si   vedono,   si innamorano,   si   giurano   eternità.   Poi   la   sfida,   la   morte   del   cugino,   le   accuse   a   Romeo   bandito   dalla città,   la   disperazione   di   Giulietta,   il   darsi   la   morte   di   entrambi:   tutto   viene   immaginato   da   Da   Porto   e ripreso   dal   Bardo   inglese   che   trasformerà   la   novella   berico-scaligera   venuta   in   suo   possesso   in   una grande   scenografia   di   versi   endecasillabi   con   25   personaggi.   Consacrerà   per   sempre   i   Montecchi   e   i Capuleti   e   li   consegnerà   alla   Storia.   Gli   esperti   di   letteratura,   e   il   prof.   Cecil   H.Cloug   che   a   lungo   ha studiato   il   Da   Porto,   sono   ormai   concordi:   la   creazione   è   frutto   di   fantasia,   ma   i   riferimenti   e   il   contesto della   vicenda   rispecchiano   esattamente   il   clima   di   quell’epoca.   E’   salendo   lungo   il   sentiero   diretto   ai castelli di Montecchio che si possono immaginare ancora: “le voci degli amanti sommessa musicalità d’argento dolcissima all’orecchio che l’esalta”. (Romeo, atto secondo, Shakespeare, trad.Goffredo Raponi)  I Castelli tornano a vivere, sempre di più, anche grazie alla storia d’amore che li ha sempre abitati. Fonte: www.castelligiuliettaeromeo.it