Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
©   Copyright   2011,   tutti   i   diritti   sono   riservati.   E’   vietata   la   copia   e   la   pubblicazione,   anche   parziale,   del   materiale   su   altri   siti   internet   e   /   o   su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Copyright
Webmaster: O.P.staff
La storia Villa Da Porto - Montorso Vicentino (VI) Ai   piedi   del   colle   boscoso   della   Fratta,   ove    svetta ancora   l'antico   campanile   della   distrutta   chiesa,   stà maestosa   con   lunghissima   appendice   del   rustico   di destra   la   villa   che   fu   già   dei   conti   Da   Porto:   tra   le più   grandiose   che   essi   costruirono   nel   corso   di   tre secoli   -   dal   Cinque   al   Settecento   -   in   ogni   luogo della   provincia.   E   se   pur   incompiuta,   essa   era   da loro     curata     con     particolare     amore,     dato     che scelsero    fior    fiore    dalle    loro    collezioni    di    quadri, nobili,   oggetti   di   antichità   per   farne   un   sontuoso arredamento.   Di   tanto   splendore   ora   non   rimane nulla.   Una   lunga   iscrizione   murata   sopra   la   porta centrale   della   loggia   dice   che   la   villa   ebbe   inizio   nel 1662    e    completamento    nel    1724.    Siamo    però documentati    in    modo    assolutamente    tranquillante che   in   una   tavola   con   il   progetto   della   villa   erano   segnati   il   millesimo   1712   e   la   firma   dell'autore: Cherrette   architecte   ad   geographe   de   Roy.   La   villa   -   a   due   piani,   ma   di   eccezionale   altezza   -   si compone   di   un   settore   centrale,   aperto   in   tre   intercolumni   tra   due   pareti   chiuse;   quattro   fusti   ionici   di modulo    gigante    reggono    il    frontone    triangolare.    La    lunga    ala    a    destra    -    cui    nel    progetto    doveva corrispondere   una   di   pari   sviluppo   e   di   pari   forma   a   sinistra   -   è   arretrata   così   da   rendere   più   sensibile l'aggetto   centrale. All'altissima   loggia   imprime   ulteriore   slancio   l'ampia   scalea   tra   larghi   poggi,   adorni   da due   mirabili   gruppi   scultorei.   Un   cornicione   dentato   a   robuste   mensole   conclude   le   pareti   del   cor   o mediano,   ma   non   prosegue   nell'ala   rimasta   evidentemente   incompiuta.   Due   sole   finestre   nelle   pareti adiacenti   alla   loggia   sono   destinate   ad   illuminare   le   due   larghe   scale   a   chiocciola   che   dall'una   e dall'altra   parte   della   loggia   portavano   ai   piani   superiori   (Sul   cielo   della   scala   a   chiocciola,   che   ora sopravvive,   c'è   un   affresco   nei   modi   di   L.   Dorigny):   e   la   loro   luce   si   univa   a   quella   delle   finestrelle   nel breve   voltatesta,   ad   angoli   convessi.   Un   ballatoio   a   livello   del   piano   nobile   correva   lungo   la   loggia   a collegare   le   due   parti   della   villa   separate   dall'immenso   salone   centrale.   Le   pareti   chiuse   dell'avancorpo centrale,   come   dell'ala,   corrono   lisce   neppur   solcate   dalle   cornici   che   di   solito   legano   orizzontalmente davanzali   delle   finestre   o   segnano   il   passaggio   dall'uno   all'altro   piano.   Troppo   ampio   è   l'intervallo   che separa   le   aperture   del   piano   rialzato   da   quelle   del   piano   superiore,   mentre   queste   sono   troppo   a ridosso    del    cornicione    terminale.    Legata    per    la    continuità    delle    pareti    e    coerente    per    andamento compositivo    è    la    facciata    posteriore,    nella    quale    introducono    varietà    di    movenza    le    tre    aperture centinate   del   salone:   facciata   mirabilmente   condotta   dalla   mano   maestra   dell'architetto.   Che   ebbe   come collaboratori   abili   lapicidi,   responsabili   delle   teste,   dal   vivido   e   fresco   modellato,   poste   a   chiave   delle aperture   centinate,   sia   dei   gruppi   scultorei   sui   pilastri   all'inizio   della   scalea,   sia   delle   statue   ai   vertici   del frontone.   Si   dice   che   numerosissime   fossero   le   statue   nel   giardino   anteriore   e   posteriore   della   villa   e che   altre   ancora   adornassero   il   muretto   di   recinzione   della   proprietà   lungo   la   strada   che   sale   alla chiesa. Tutte furono distrutte o alienate. Il complesso della villa La   Villa   da   Porto   si   presenta   come   uno   dei   più   estesi   complessi edificati   tra   le   ville   venete,   soprattutto   se   si   considera   l'ala   che esisteva   un   tempo   a   ovest   la   cui   esistenza   è   stata   comprovata   nel corso   di   questo   studio.   Si   trova   a   ridosso   del   Colle   della   Fratta, che    la    protegge    a    nord    ed    è    limitrofa    all'antico    abitato    di Montorso.    E    costituita    da    un    complesso    edificato,    di    cui    oggi permangono,   a   partire   da   ovest,   il   corpo   padronale,   mutilo   dell'ala occidentale,    e    costituito    nella    parte    centrale    da    un    immenso salone   al   piano   rialzato,   di   forma   pressoché   cubica   di   oltre   14 metri   dilato,   che    occupa   l'altezza   di   due   piani.   Sono   ad   esso antistanti   la   scalea,   il   pronao   e   due   vani   scale.   Nell'ala   destra   sono   collocate   quattro   sale   per   ognuno dei   due   piani.   Il   collegamento   tra   le   due   ali   avveniva   attraverso   un   ballatoio   che   tuttora   esiste   all'interno del   pronao.   Ad   est   si   trova   la   loggia,   costituita   da   un   portico   sul   quale   prospettano   tre   sale,   situate   al livello    di    un    unico    piano    rialzato    posto    sopra    le    cantine,    che    occupano    tutto    il    piano    terreno. Proseguendo   verso   est   si   trova   una   grande   barchessa,   che   congloba   resti   di   una   residenza   più   antica   e di   una   torre   colombara.   Altri   edifici   appartenenti   al   complesso   ma   separati,   esistono,   trasformati   e irriconoscibili,   all'interno   dell'area   murata.   Si   ha   notizia   certa   di   una   chiesetta   di   origine   quattrocentesca, che   esisteva   ancora   nel   1942,   e   che   aveva   accesso   anche   dalla   strada   pubblica   delle   Fontanelle.   Gli edifici   e   gli   spazi   circostanti,   un   tempo   giardini,   frutteti,   aie,   sono   circondati   da   un   muro,   che   delimita anche   gli   spazi   interni,   secondo   le   loro   funzioni.   Come   in   molti   altri   casi,   una   strada   pubblica   separa   gli edifici   dai   campi.   Nell'area   circondata   dal   muro,   della   superficie   di   oltre   un   ettaro   e   mezzo,   sono   stati costruiti di recente alcuni edifici, così come altri lo sono stati nella campagna antistante. Luigi Da Porto Storia e fantasia La   famiglia   da   Porto   risulta   stabilita   a   Vicenza   fin   dal   secolo   XI,   proveniente,   secondo   le   ipotesi   più accreditate,   da   Portogruaro,   al   tempo   in   cui   Ulderico,   Patriarca   di   Aquileia,   accusato   di   eresia,   fu cacciato   dalla   laguna,   ed   a   seguito   della   sua   fuga   numerose   famiglie   nobili   furono   costrette   a   spostarsi in   terraferma.   Il   primo   personaggio   della   famiglia   di   cui   si   abbia   notizia   in   città   è      PORTO,   giureconsulto, vivente   nel   987,   dal   quale   deriva   la   famiglia,   che   in   occasione   del   passaggio   di   Carlo   V   a   Vicenza   fu insignita   col   Diploma   dell'Imperatore   promulgato   in   Bologna   il   14   dicembre   1532,   del   titolo   di   "conti Palatini   (...)   nonché   di   cavalieri   Aureati",   con   il   privilegio   di   fregiarsi   dell'aquila   imperiale   che   infatti spesso   compare   nello   stemma   familiare.   Manfredo   Da   Porto   Barbaran,   ultimo   discendente   maschio della    famiglia,    riconosce,    in    un    suo    manoscritto,    diversi    rami.    Di    questi    quello    a    cui    si    deve    la costruzione   della   villa   di   Montorso   è   quello   "E",   che   fa   capo   a   GABRIELE   figlio   di   Simone,   sposo   di Lucia   Sesso.   Mantese   afferma   che   non   furono   i   Porto   gli   antichi   Signori   di   Montorso,   ma   i   Trissino, dominatori   del   paese   nel   trecento   a   nome   del   governo   scaligero,   soppiantati   poi   dai   Nogarole.   Anzi, proprio   in   casa   dei   Nogarole,   nel   1465   Gabriele   fu   Simone   trattò   con   Leonardo   Nogarole   una   questione di pascolo e pensionatico nel territorio di Montorso. Il 10 agosto 1485 nasceva a Vicenza il letterato Luigi Da Porto. Essendo   la   sua   famiglia   d'origine   imparentata   con   quella   di   Elisabetta   Gonzaga,   duchessa   di   Urbino,   fu   mandato,   non   ancora   ventenne,   presso la    corte    fredericiana    per    completare    il    proprio    apprendistato.     A    Urbino conobbe   e   divenne   amico   di   Pietro   Bembo,   con   il   quale   instaurò   una   lunga corrispondenza    epistolare.    Tornato    a    Vicenza,    iniziò    a    frequentare    un circolo   accademico-mondano   cui   partecipavano   tutti   i   nomi   di   maggior spicco   della   cultura   e   della   nobiltà   vicentina.   In   prima   persona   visse   le vicende   della   lega   di   Cambrai,   allorquando,   nel   1508,   Francia,   Impero   e Papato    strinsero    alleanza    contro    lo    strapotere    di    Venezia    in    Italia.     Di questa   guerra,   che   per   alcuni   anni   investì   il   Veneto   e   i   dintorni,   Da   Porto   fu testimone    attento,    curioso,    prima    di    esserne    direttamente    partecipe prendendo   parte   a   varie   imprese   militari,   nel   corso   dell'ultima   delle   quali   fu gravemente   ferito.    La   sua   attività   letteraria,   tipica   di   un   uomo   di   corte vissuto   tra   occupazioni   militari   e   ozi   umanistici,   si   svolse   tutta   negli   anni successivi   al   ritorno   a   Vicenza   e   si   esplica   in   un   canzoniere   di   rime   di   stile petrarchesco,   in   una   novella   dedicata   alla   storia   di   Giulietta   e   Romeo   e nella   raccolta   delle   Lettere   storiche.   Luigi   Da   Porto   morì   a   Vicenza   il   10   maggio   1529.    Appare   certa, quindi,   la   presenza   dei   Porto   a   Montorso   intorno   alla   metà   del   secolo   XV   nella   figura   di   Gabriele.   costui, si   è   detto,   sposò   Lucia   Sesso;   fu   creato   cavaliere   Aureato   da   Federico   III   Imperatore   nell'anno   1489. Testò   nel   1493   e   morì   nello   stesso   anno,   forse   in   battaglia.   Gabriele   ebbe   otto   figli   tra   i   quali:   Piera sposa   a   Bernardino   Pagello   che   fece   erigere   l'altare   del   Montagna   nella   chiesa   di   Santa   corona   in   città, e   Bernardino,   morto   prima   del   1514,   sposo   di   Elisabetta   Savorgnan   dalla   quale   ebbe   cinque   figli: Samaritana,   Francesca,   Anna   sposa   Thiene,   il   cui   figlio   Marco   fu   amicissimo   del   Palladio,   Luigi   e Bernardino.    LUIGI,   nato   a   Vicenza   il   10   agosto   1485,   capitano   della   Repubblica,   storico   della   Lega   di Cambrai,   novelliere,   reso   famoso   per   la   sua   novella   "Giulietta   e   Romeo",   erede,   unitamente   al   fratello Bernardino e alla sorella Anna, della zia Piera Porto Pagello.   Così è ricordato dai contemporanei: "1522:    Alvise    de    Porto,    visse    questi    anni    stessi    in    molto    grido,    havendo    capitano    de'    leggieri lungamente,   e   con   molta   fede   e   peritia   nella   militar   disciplina   servito   alla   memorata   Repubblica,   per   la quale   valorosamente   combattendo   nel   Friuli   co'   nemici,   ferito   di   una   lanzata,   rimase   della   manca   parte storpiato   a   fatto;   onde   non   potendo   più   attendere   all'armi,   trovandosi   delle   latine,   e   volgari   lettere ornatissimo,   si   diede   tutto   alla   poesia,   e   alla   prosa,   havendo   fatto   in   ambedue   facultà   opere   diverse eccellentissime,   si   come   dalle   molte   raccolte   sue   lettere,   dalle   Rime,   Canzoni,   e   Sonetti,   e   Novelle   a imitazione    del    Boccaccio    dirizzate    a    letterati    e    dotti    huomini,    e    all'Illustrissimo    Cardinal    Bembo principalmente; col qual tenne strettissima amistà, se ne può fare risoluto giudiciò. Rimasto   orfano,   non   ancora   uscito   dalla   prima   infanzia,   fu   coi   fratelli   nella   custodia   di   Gabriele,   suo nonno, e morto poi questo nel 1493, restò affidato alla nonna Lucia Sesso. La cura del Conte Francesco Di   lui   però   ebbe   particolare   cura   il   conte   Francesco   figlio   di   Gabriele,   suo   zio,   "cavaliere   di   alti   spiriti   e   di molta   dottrina',   il   quale   fece   in   modo   che   il   nipote   fosse   cresciuto   nell'amore   delle   scienze   e   delle   belle arti.   Dove   studiasse   e   chi   fossero   i   suoi   precettori   non   è   noto.   comunque   lo   zio   lo   mandò   ancora ragazzo    a    Urbino,    ad    educarsi    in    quella    corte:    e    qui    per    la    sua    buona    indole    fu    poi    tenuto    in considerazione   dal   principe   stesso,   Guidobaldo   da   Montefeltro.   In   quella   corte,   dove   imparò   assai   bene l'uso   delle   armi,   si   trattenne   però   pochi   mesi,   perché   ritornò   a   Vicenza   nel   1505.   Infatti   è   del   1505   una sua   lettera   al   Bembo   al   quale   chiedeva   gli   "Asolani".   Gli   studi   favorirono   la   sua   amicizia   con   Veronica Gambara   e   col   Bembo   stesso,   verso   il   quale   il   sentimento   fu   molto   profondo.   Altre   conoscenze   nel mondo    delle    lettere    furono    Trifon    Gabriele,    destinatario    di    una    lettera    del    febbraio    1512;    Matteo Bandello,   che   lodò   il   Porto   come   rimatore.   Nel   1509,   perduta   dai   Veneziani   la   battaglia   di   chiara   d'Adda, Vicenza   ed   il   suo   territorio   caddero   sotto   la   dominazione   delle   truppe   dell'Imperatore   Massimiliano,   per mano   di   Leonardo   Trissino   che   ne   prese   possesso   in   suo   nome   il   21   ottobre.   Luigi,    appartenente   a   una famiglia   fedele   alla   Serenissima,   abbandonò   gli   studi   e   accettò   l'offerta   dei   Provveditori,   passando   al servizio   della   Repubblica   col   grado   di   capitano   di   cavalli   "leggeri",   per   un   certo   tempo   si   trattenne   a Lonigo,   poi   passò   nel   Friuli   dove   continuavano   le   guerriglie   tra   Veneti   e   Imperiali,   fino   alla   notte   tra   1118 e   il   19giugno   del   1511   quando   gettatosi   coraggiosamente   in   una   furibonda   mischia   fu   colpito   da   un soldato   tedesco   con   un   colpo   di   lancia   tra   la   gola   ed   il mento      cosi      gravemente      da      renderlo      inabile all'esercizio     delle     armi     per     il     resto     della     vita. Convalescente   si   trasferì   a   Venezia   per   circa   due   anni poi   se   ne   tornò   a   Vicenza   e   a   Montorso   per   dedicarsi agli   studi   ed   alla   letteratura.   Continuò   a   scrivere   le Lettere',    che    coprono    il    periodo    1509-1513,    e    a compor    rime.    Nel    1524    scrisse    quella    che    verrà conosciuta   come   La   Giulietta,   prima   versione   inedita della   storia   di   Giulietta   e   Romeo.   Muore   nel   1529,   a   44 anni non ancora compiuti. Dai suoi scritti... "lo nel Montorso mio dolce ed ameno Vivo tra gente boschereccia e rude E drizzo il cor quando posso a Virtude, Disgombrando vilta' fuor dal mio seno." Anche   Girolamo   da   Porto   Barbaran,   suo   discendente   vissuto   tra   il   1600   ed   il   1700   e   che   ebbe   un   ruolo assai   importante   nelle   vicende   della   villa   da   Porto,   ricorda   in   un   suo   scritto   la   vita   di   Luigi   a   Montoso. Luigi   fece   testamento   nel   1529   lasciando   erede   di   tutte   le   proprie   sostanze   il   fratello   Bernardino.   Morì   a Vicenza,   quarantatreenne,   il   10   maggio   1529   di   non   precisate   "febbri   maligne",   e   fu   sepolto   nella   chiesa di Santa Corona sotto l'altare della cappella di Santa Maria Maddalena. La storia di Giulietta e Romeo Esiste   al   mondo   una   storia   che   incarni   maggiormente   il   senso   del   romanticismo   struggente   più   di quella,   celeberrima,   dell'amore   tra   Giulietta   e   Romeo?   Probabilmente   no.   E    probabilmente   non   tutti sanno   che   nella   famosa   storia   dei   due   innamorati   per   antonomasia   c'è   anche   un   po'   di   Vicenza,   anzi molto...   La   tradizione   e   il   richiamo   orale   raccolto   in   uno   scritto   del   1524   dal   poeta   e   condottiero   vicentino Luigi   Da   Porto,   ritiratosi   nella   sua   villa   di   Montorso   (paese   vicino   a   Montecchio   Maggiore)   dopo   una grave   ferita   subita   in   battaglia   in   una   fase   della   guerra   della   Lega   di Cambrai    narra    della    storia    dei    due    innamorati    veronesi    avvenuta    nel 1300:    Giulietta    della    casata    dei    Capuleti    e    Romeo    della    casata    dei Montecchi,   e   dell'odio   acerrimo   tra   le   due   famiglie.   I   primi   fugaci   incontri d'amore   dei   due   giovani   furono,   come   noto,   assai   difficili   e   complicati, nella   breve   fase   in   cui   i   responsabili   delle   due   famiglie   furono   demandati dal   signore   di   Verona,   Cangrande   Della   Scala,   a   gestire   le   rocche   di Montecchio    Maggiore,    nella    speranza    che    la    vicinanza    dei    castelli    e coordinamento    del    comando    eliminasse    l'odio    esistente.    I    fatti    che seguirono    sono    ben    noti:    il    coronamento    del    loro    sogno    d'amore    in Verona   complice   frate   Lorenzo   confessore   di   Giulietta,   la   fuga   di   Romeo a   Mantova   dopo   l'uccisione   in   duello   del   cugino   di   Giulietta,   Tibaldo,   la finta   morte   di   Giulietta   per   raggiungere   Romeo   dal   quale   non   poteva stare   lontana,   la   disperazione   e   suicidio   di   Romeo   nel   credere   Giulietta morta,   il   risveglio   di   Giulietta   che   raccoglie   le   ultime   parole   d'amore   di Romeo   e   la   scelta   di   morire   assieme   non   potendo   vivere   senza   lui.   Alla fine     del     1500     Shakespeare     ne     ricava     una     tragedia     d'amore intramontabile. Montecchi e Capuleti Rivivere le magiche atmosfere di un tempo anche al giorno d'oggi! E' possibile nel vicentino grazie al Gruppo Storico Medievale "Giulietta e Romeo", una libera associazione sorta nel 2000 per l' entusiasmo e alla voglia di fare di un gruppo di amici di Montecchio Maggiore, cittadina attualmente tra le più industrializzate d'Europa, ma che affonda le sue radici nella storia. Se al termine dell'era romana, infatti, era ancora un semplice villaggio rurale, nel medioevo Montecchio gettava le basi per diventare un borgo sviluppato al centro di un importante area artigianale e commerciale. E' proprio questo periodo che il gruppo intende far rivivere, riportando l' intero paese indietro di una decina di secoli per riscoprire quel passato che troppe volte è rimasto avvolto nell'oscurità e nel pregiudizio. Oltre al fattore meramente storico l' obiettivo dei componenti del gruppo è quello di far conoscere Montecchio, e soprattutto la leggenda in esso ambientata, anche fuori dalle mura cittadine. Nel colle che sovrasta il paese sorgono infatti due imponenti rocche alle quali si è ispirato un nobile letterato vicentino, Luigi Da Porto, per la stesura di una novella nota in tutto il mondo: "Giulietta e Romeo". Ovviamente il racconto ha conosciuto la fama attuale grazie al genio di W. Shakespeare, ma non si può tralasciare l'intuizione avuta dal Da Porto. I castelli sono così passati alla storia con il nome di "castelli di Giulietta e Romeo". La leggenda Il fantasma di Luigi Da Porto La   famosa   novella   di   Giulietta   e   Romeo,   che   tanto   colpì   Shakespeare   da   ispirargli   una   delle   sue   migliori tragedie,   è   stata   scritta   da   Luigi   Da   Porto   nella   quiete   della   sua   dimora   di   campagna   a   Montorso.   Della casa   padronale,   nel   centro   del   paese,   abitata   dallo   scrittore   ai   primi   del   '500,   non   rimane   in   realtà   quasi nulla:   un   antico   porticato   e   un   torrione.   Al   posto   di   quella   dimora   è   sorta   la   bella   villa   palladiana   "Da Porto   Barbaran",   opera   del   francese   Cherrette,   costruita   a   partire   dal   1662.   La   storia   narra   che   Da Porto    si    ritirò    nella    sua    Montorso    dopo    che    una    ferita    di    guerra    lo    ebbe    sfigurato    e    reso    molto cagionevole    di    salute.    Quello    che    di    questa    tormentata    e    melanconica    figura    possiamo    ritrovare venendo   qui   a   Montorso   è   il   colle   chiamato   la   Fratta. Allontanandosi   dalla   magione,   si   gira   a   sinistra   per imboccare   via   Villa;   qui   si   trova   la   casa   dei   fattori   dove   Da   Porto   amava   soggiornare   e   dove,   secondo gli   abitanti   del   paese,   ancora   si   aggira   il   suo   inquieto   fantasma. Alla   fine   di   questa   strada,   sulla   sinistra, inizia   la   salita   al   colle   su   cui   Luigi   era   solito   sostare   e   rimirare   i   due   castelli   di   Montecchio   Maggiore   che oggi sono intitolati a Giulietta e Romeo. Fonte: http://www.comune.montorsovicentino.vi.it/il-comune/la-citta/villa-da-porto  Testi: (Ceretta F.)