Associazione Culturale Orizzonti Paranormali
“Non tutto quello che non si comprende necessariamente non esiste”
©   Copyright   2011,   tutti   i   diritti   sono   riservati.   E’   vietata   la   copia   e   la   pubblicazione,   anche   parziale,   del   materiale   su   altri   siti   internet   e   /   o   su qualunque altro mezzo, ai sensi della legge 22 aprile 1941 nr 633 modificata dalla legge 22 maggio 2004 nr 128.
Copyright
Webmaster: O.P.staff
La storia Castello del Catajo - Battaglia Terme (PD) La   famiglia   Obizzi,   originaria   della   Borgogna   (in   Francia),   si   può   considerare,   nella   storia   italiana,   una   famiglia   di "Capitani     di     ventura",     giunti     in     Italia     al     seguito dell'imperatore    Arrigo    II    nel    1007.    Dopo    una    prima residenza   in   Toscana,   la   famiglia   si   stabilì   nel   territorio della    Repubblica    di    Venezia,    allora    molto    potente    e raramente    in    guerra    con    gli    stati    Italiani    perché    più interessata    alle    conquiste    esterne    all'Italia,    legate    alle sue   attività   marinare.   In   un   periodo   di   pace   Pio   Enea   degli   Obizzi   (il   quale   impose   il   nome   all'obice,   il cannone   da   assedio),   attratto   dalla   bellezza   dei   luoghi,   decise   di   costruire   un   palazzo   adeguato   alla gloria   della   famiglia.   Esso   fu   ideato   dallo   stesso   Pio   Enea   senza   l'aiuto   di architetti   e   quindi   sta   a   metà   tra   il   castello   militare   e   la   villa   principesca. Fu   costruito   in   soli   tre   anni   fra   il   1570   e   il   1573   (tranne   che   per   l'ala   in alto,   risalente   al   secolo   XIX).   All'inizio   erano   previste   pitture   solo   nei   muri esterni   (ora   scomparse)   ma   nel   1571   Pio   Enea   chiamò   Gian   Battista Zelotti   (allievo   di   Paolo   Veronese)   ad   affrescare   i   muri   interni   con   le   gesta della   sua   famiglia.   La   famiglia   Obizzi   si   estinse   nel   1805   con   il   marchese Tommaso,   che   lasciò   il   castello   agli   eredi   della   casa   d'Este   (Arciduchi   di Modena);   sotto   Francesco   IV   fu   costruita   l'ala   visibile   più   in   alto   e   detta "Castel   Nuovo".   Alla   morte   di   Francesco   V,   senza   figli,   il   Catajo   passò   all’ erede   al   trono   d'Austria   l'Arciduca   Francesco   Ferdinando.   Fu   per   opera   di questi    due    ultimi    proprietari    che    l'armeria    ed    il    museo    degli    Obizzi, assieme   ad   una   vasta   collezione   di   strumenti   musicali   e   quadri,   furono trasferiti   rispettivamente   nel   castello   di   Konopischt   ed   a   Vienna.   Dopo   la prima   guerra   mondiale   il   Catajo   fu   assegnato   al   governo   italiano   come riparazione dei danni di guerra ed esso poi lo vendette alla famiglia Dalla Francesca nel 1929. Fonte: Esclusiva Castello del Catajo
La leggenda Lucrezia   degli   Obizzi   nasce   a   Padova   il   21   settembre 1610,   Lucrezia   apparteneva   a   una   delle   famiglie   più importanti    della    Padova    del    tempo    i    Dondi    Dall’ Orologio,    che    dovevano    il    loro    cognome    e    la    loro nobiltà    grazie    alla    costruzione    del    famoso    orologio astronomico    sulla    torre    in    Piazza    dei    Signori.    Il    21 gennaio   1629   sposò   Pio   Enea   II   Degli   Obizzi,   figlio   di Pio   Enea   I   il   quale   progettò   e   fece   costruire   il   Castello del    Catajo    che    veniva    utilizzato    dalla    famiglia    come residenza    estiva.    Lucrezia    trascorse    la    sua    vita    fra palazzo   Obizzi   a   Padova   e   il   Castello   del   Catajo.   Nella   notte   del   15   novembre   dl   1654   la   marchesa Lucrezia   venne   assassinata   a   Padova   per   mano   di   Attilio   Pavanello,      ed   ivi   venne   seppellita.   Nei giorni   successivi   al   delitto   una   porzione   del   pavimento   della   camera   di   Lucrezia,   proprio   quello   in   cui il   suo   corpo   senza   vita   si   era   accasciato   e   ancora   macchiato   del   suo   sangue,   fu   rimosso   ed   appeso ad   uno   dei   muri   d'entrata   nell'interno   del   castello.   Pio   Enea   trasportò   lì   anche   tutti   gli   effetti   di Lucrezia:   abiti,   gioielli,   bauli…la   dimora   degli   Obizzi   di   Padova   fu   svuotata   di   tutto   ciò   che   le   era appartenuto.   Nacque   poi   la   leggenda   della   "Dama   Azzurra",   una   donna   bellissima,   vestita   con   un abito   di   colore   azzurro,   uno   stile   d'altri   tempi,   che   si   aggirerebbe   nel   castello,   inquieta   e   guardinga, affacciandosi   sovente   da   alcune   delle   finestre   dell'edificio.   Nessuno   sa   definire   con   esattezza   il periodo   nel   quale   cominciò   a   diffondersi   tale   mito,   tantomeno   risulta   univoca   l'identificazione   delle parti   del   castello   dalle   cui   finestre   tali   apparizioni   iniziarono   a   manifestarsi.   Alcune   testimonianze parlano   del   mezzanino,   mentre   altre   dell'Ala   nord.   L'ingresso   ad   alcune   zone   del   Mezzanino   è   vietato a   chiunque   dal   1914   e   l'ala   Nord,   che   a   giudicare   dall'aspetto,   si   direbbe   in   precarie   condizioni   di sicurezza,   è   stata   scollegata   dal   resto   dell'edificio   murandone   le   vie   di   accesso   a   causa   di   alcuni   furti verificatesi   alcuni   anni   or   sono.   Il   castello   viene   oggi   utilizzato   per   ricevimenti   e   cerimonie   ma persone    più    sensibili    di    altre    riferiscono    di    aver    percepito    nitidamente    voci    e    presenze    oltre all'immagine   della   "Dama".   L'aria   che   si   respira   all'interno   delle   mura   muta   da   una   zona   all'altra.   Gli ambienti   ove   si   snoda   il   percorso   del   giro   turistico   risultano   neutri,   ma   basta   addentrarsi   in   alcune stanze,   dove   l'ingresso   non   sarebbe   consentito,   che   si   avverte   una   mutevolezza   di   sensazioni.   La Dama   Azzurra   è   Lucrezia   Dondi   dall'   Orologio?   Può   il   suo   spirito   inquieto   aver   seguito   i   suoi   beni materiali,    i    suoi    effetti    personali    ed    essersi    trasferita    definitivamente    in    quella    che,    di    fatto, considerava   la   sua   casa,   pur   essendo   la   sua   vita   fisica   terminata   in   un   altro   luogo?   Non   sarebbe   di certo   il   primo   caso:   basta   pensare   al   fantasma   di      Ginevra   Serego   degli   Alighieri   di   Illasi,   per   averne un'idea.   E'   la   stessa   “presenza”   quella   vista   affacciarsi   sia   all'ultimo   piano   dell'ala   Nord   che   dalle finestre   ai   piani   superiori   del   mezzanino   o   vi   è   una   tendenza   delle   testimonianze,   più   o   meno consapevole,   nel   conformarsi   ad   uno   stesso   soggetto   ?   C'è   da   tener   presente,   tuttavia,   che   il   castello che   Lucrezia   conosceva,   nel   quale   viveva,   non   comprendeva   ancora   quell'ala,   non   faceva   parte   del suo   vissuto,   non   apparteneva   a   quel   corpus   di   informazioni   che   sono   sopravvissute   al   suo   corpo fisico.   Che   lo   spettro   di   Lucrezia   si   sia   spostato   da   Padova   al   Catajo   può   rientrare   in   un   panorama fenomenologico   condivisibile.E   a   chi   appartiene   allora,   se   le   testimonianze   sono   corrette,   lo   spettro dell'ala Nord? Fonte: www.esoterismoemisteri.com/il_fantasma_del_catajo